Festival delle Musiche per un fine settimana in Val di Chiana

Metti un fine settimana in Val di Chiana, i colori unici di due comuni affacciati sulle stesse morbide colline, il cielo d’estate, il canto dell’arte. Metti due serate con il Festival delle Musiche, l’energia della tarantella, la fantasia di un...

rid_Triskeles

Metti un fine settimana in Val di Chiana, i colori unici di due comuni affacciati sulle stesse morbide colline, il cielo d’estate, il canto dell’arte. Metti due serate con il Festival delle Musiche, l’energia della tarantella, la fantasia di un autore fiorentino da riscoprire, il calore di uno strumento moderno che rende omaggio alla lirica.

Tra sabato 28 e domenica 29 luglio triplo appuntamento del longevo Festival che abbraccia la Val di Chiana ad iniziare dalle “Tarantelle del Sud Italia” proposte da Officina Popolare, un gruppo di amici che condivide la passione per la musica, in particolare quella popolare del Sud - pizzica, tarantelle, tammurriata, canti tradizionali –, che delizierà il pubblico del Festival sabato 28 luglio in Piazza Fra’ Benedetto, a Foiano della Chiana, in un viaggio tra le musiche del Sud Italia, con le pizziche e tarantelle del Salento, passando per Campania e Calabria, arricchite dai ballerini dell’Associazione Tarantarci. Inizio alle ore 21:15 con ingresso libero.

Doppio appuntamento a Monte San Savino grazie al Festival Musicale Savinese. Sabato 28, alle ore 21:15, il Chiostro di Palazzo di Monte ospiterà l’“Omaggio a Mario Castelnuovo-Tedesco nel cinquantesimo dalla scomparsa” del duo formato da Raffaele Ravasio (chitarra) e Samuele Amidei (pianoforte). Composito il programma, da “Le stagioni” del 1924 alla “Tonadilla sur le nom de Andrés Segovia” del 1954 con la prima esecuzione assoluta delle “Cinque danze sulle corde” di Giovanni Scapecchi composta appositamente per “Omaggio a Mario Castelnuovo-Tedesco” del duo Ravasio-Amidei. Ingresso euro 8,00 – ridotto euro 5,00. Domenica 29 luglio, sempre all’interno del Chiostro con il medesimo orario, prenderà voce l’originale rilettura della lirica da parte del Triskeles Saxophone Quartet in “Triskeles all’opera”. Musiche di Vivaldi, Donizetti, Puccini, Verdi, Mascagni, Pasculli, Rossini per un quartetto siciliano che sta riscuotendo consensi internazionali: Nicola Mogavero (sax soprano), Marina Notaro (sax contralto), Michele Gerardi (sax tenore), Marco Ficarra (sax baritono). Ingresso euro 5,00.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Festival delle Musiche è un progetto di Officine della Cultura in collaborazione con AS Monteservizi e Associazione Resonars. Con il sostegno di Regione Toscana e Provincia di Arezzo e l’adesione dei Comuni di Monte San Savino, Marciano della Chiana, Lucignano, Castiglion Fiorentino Cortona, Civitella in Val di Chiana e Foiano della Chiana. Direzione artistica Alessandro Perpich (Festival Musicale Savinese), Massimiliano Dragoni (Suoni dalla Torre) e Luca Baldini (Tradizioni e Contaminazioni). Info Festival presso Officine della Cultura 0575 27961 - 338 8431111 - segreteria@officinedellacultura.org. Prevendite: Officine della Cultura - Via Trasimeno 16, Arezzo; Circuito Box Office Toscana; TicketONE. Biglietteria: presso il luogo del concerto, apertura un'ora prima dello spettacolo. Con il contributo di Estra, Coingas SpA, Chimet.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Telefonate con offese e insulti omofobi dopo la partecipazione a 4 Ristoranti": il racconto di Mariano

  • Scocca l'ora di Arezzo a 4 Ristoranti: tutto quello che c'è da sapere sulla puntata

  • Le classifiche dalla serie C alla Terza categoria | 2019/2020

  • Schianto in moto, muore a 39 anni Thomas Lorenzetti

  • La notte di 4 Ristoranti, Borghese: "Arezzo bellissima. La sua cucina? Forte e decisa, come i suoi abitanti"

  • Insetti in casa: scutigera, perché conviene non ucciderla

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento