Cultura

Eleonora Betti finalista a "Voci per la Libertà - Una Canzone per Amnesty"

Eleonora Betti è tra gli otto finalisti di “Voci per la Libertà – Una Canzone per Amnesty”, il Festival dedicato ai diritti umani, in programma dal 19 al 22 luglio a Rosolina Mare (RO). La cantautrice originaria della Val di Chiana è in...

eleonora betti-2

Eleonora Betti è tra gli otto finalisti di "Voci per la Libertà - Una Canzone per Amnesty", il Festival dedicato ai diritti umani, in programma dal 19 al 22 luglio a Rosolina Mare (RO).

La cantautrice originaria della Val di Chiana è in concorso per il Premio Amnesty Italia, sezione Emergenti, con un brano inedito, dal titolo "Libera".

Sul palco del Festival si alterneranno agli artisti in gara, alcuni grandi nomi della musica italiana: Brunori sas, vincitore del Premio Amnesty Italia, sezione Big, e ospiti come Enrico Ruggeri, Mirkoeilcane e la Med Free Orkestra.

"Sono felice ed onorata che il mio brano sia stato scelto per questo Festival che vuole premiare i migliori brani legati alla Dichiarazione universale dei diritti umani - dice Eleonora. Sono convinta che, in questo momento storico, sia particolarmente importante che gli artisti siano presenti nella sensibilizzazione all'ascolto, al dialogo e alla solidarietà".

Un anno importante questo 2018, per Eleonora Betti. Un anno che ha visto l'uscita del suo disco d'esordio, Il divieto di sbagliare per l'etichetta RadiciMusic Records, che la cantautrice continuerà a portare su e giù per l'Italia durante tutta l'estate con un Tour dedicato. Per quanto riguarda la Toscana, il 27 luglio Eleonora Betti sarà in concerto al Caffè Letterario Le Murate di Firenze, mentre il 9 settembre sarà sul palco del Live Rock Festival di Acquaviva (SI).

***

Eleonora Betti cresce tra le note della musica classica, suonate al pianoforte, e dell'amore per le grandi voci del jazz, del musical, del fado portoghese.

Originaria della Toscana, incontra poi il mondo musicale della capitale. Trascorre un periodo all'estero, proponendo la sua musica sulla scena londinese. Tornata a Roma, arrivano i primi riconoscimenti come cantautrice, come vincitrice dei concorsi PiùVolume e Sabina Music Summer, ed esibendosi su palchi prestigiosi come quello dell'Auditorium Parco della Musica di Roma. Opening act per Ivan Segreto, Raffaella Misiti, Rita Marcotulli.

Ha collaborato come coautrice e interprete del brano "Under the blood of the Moon" per l'ep When we dream we are all creators di Diego Buongiorno, un progetto che la vede coinvolta insieme a Little Red Lang, Carolina Crescentini, Claudia Pandolfi.

A marzo 2018 è uscito per RadiciMusic Records il suo primo album da solista: "Il divieto di sbagliare".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Eleonora Betti finalista a "Voci per la Libertà - Una Canzone per Amnesty"

ArezzoNotizie è in caricamento