Ad Anghiari, nel 2021, il secondo Concorso Internazionale di Merletto

I versi iniziali di “Chiare, fresche et dolci acque”, ed altri versi delle Opere poetiche di Francesco Petrarca, cui la II Edizione del Concorso è dedicata nel 480° anniversario della sua incoronazione a “Poeta” sul Campidoglio, dovranno ispirare le merlettaie

Ad Anghiari si guarda avanti, al 2021, con il secondo concorso internazionale di Merletto a Tombolo. L’Associazione Culturale “Il tombolo di Anghiari” bandisce infatti, per l’anno 2021, il secondo Concorso Internazionale per la creazione di un’opera da realizzare con la tecnica del merletto a tombolo. I versi iniziali della canzone numero CXXVI (126) del Canzoniere, per intendersi la ben nota “Chiare, fresche et dolci acque”, ed altri versi delle Opere poetiche di Francesco Petrarca, cui la II Edizione del Concorso è dedicata nel 480° anniversario della sua incoronazione a “Poeta” sul Campidoglio, dovranno ispirare le merlettaie. "Guardiamo avanti, al Futuro, sempre sostenute dalla bellezza, dall’arte e dall’artigianato, - ha scritto la Professoressa Davanzo Poli, Storica del Costume, già Università Ca’ Foscari Venezia, componente della giuria del concorso - dalla letteratura e dalla storia della nostra Italia". Il tenace lavoro delle merlettaie dunque non si ferma e il nuovo bando dell'associazione anghiarese sembra uscire, appena in tempo, per poter dare un motivo in più e una occupazione culturale di alto profilo a tutte quelle donne che, dominando questa arte, la potranno praticare intensamente nei momenti più o meno ampi di isolamento a cui saranno costrette. Obbligatoria l’iscrizione entro il 31 Maggio 2021 all’indirizzo di posta elettronica a.iltombolodianghiari@gmail.com. Tutti i lavori che parteciperanno al concorso, dovranno poi pervenire entro il 30 Settembre 2021 presso il Museo della Battaglia di Anghiari, e saranno esposti nel Palazzo Pretorio di Anghiari, dal 25 Ottobre al 3 Novembre 2021. La proclamazione del vincitore sarà invece il 31 Ottobre. Le pagina su cui è possibile trovare il bando completo e la domanda di iscrizione si possono scaricare per intero dal sito www.battaglia.anghiari.it accedendovi dalla voce, collocata in prima pagina, “Il tombolo di Anghiari  Secondo concorso internazionale”. Il largo anticipo sarà utile alle merlettaie per meglio prepararsi e soprattutto per rintracciare tra le pieghe delle parole del poeta il soggetto che potrebbe rappresentare meglio l'interessante tematica proposta. L’organizzazione invita le autrici, adesso impegnate nella progettazione del disegno preparatorio che, come ben sanno gli esperti del settore, è cosa molto impegnativa, a consultare informazioni e rintracciare stimoli anche sul ben noto sito www.accademiapetrarca.

Ogni partecipante, o gruppo o Associazione potrà presentare una sola opera che dovrà essere originale, mai pubblicata o esposta in precedenza, eseguita a mano e realizzata con la tecnica del merletto a fuselli; esclusa ogni altra tecnica. Il lavoro, non dovrà rifarsi a nessuna opera artistica o artigianale esistente. Il manufatto potrà essere anche tridimensionale, ma, se incorniciato, senza vetro o cristallo.

Il bando intanto viene, tradotto in lingua inglese, anche divulgato in importanti associazioni internazionali di diverse nazioni e continenti. Una seconda edizione che dunque potrebbe raccogliere i consensi di tante maestre merlettaie per più motivi; c’è da ricordare infatti anche l’ottimo successo della prima edizione vinta da Elisa Franzin di Aquileia (Udine) e nella quale si erano distinti anche i merletti di Anna Zanchi  di Anghiari (Ar), di Roberta Boncompagni di San Giustino (Pg) e di Tiziana Rossi Colaneri di Roma. La Zanchi e la Boncompagni si erano classificate rispettivamente seconda e terza e la Colaneri aveva ricevuta la menzione speciale. In quel caso l’omaggio a Leonardo da Vinci nei 500 anni dalla morte attraverso il titolo “I nodi vinciani nella bellezza femminile”, con chiaro riferimento al disegno leonardesco, finiva per celebrare, nella storia dell’arte, la figura femminile. Ora ad ispirare le merlettaie sarà invece Petrarca con il suo carico pesante di evocative immagini poetiche e con il messaggio sempiterno che tutte le forma di creatività ed arte sono concatenate, affini e attendono solamente di essere avvicinate. C’è poi anche da ricordare i consensi e i riconoscimenti che le maestre merlettaie dell’associazione anghiarese hanno raccolti in questi ultimi anni in concorsi di caratura internazionale. Anche questi traguardi hanno permesso di innescare contatti e conoscenze nel settore che oggi potrebbero determinare il crescente successo numerico di partecipanti. L’associazione promotrice finisce poi per interrompere, con la divulgazione del bando, la triste china di notizie che in questi giorni si stanno rincorrendo, collegate all’inevitabile condizione di pandemia internazionale. Una importante parentesi positiva, il concorso, che ci ricorda come la Valtiberina ha tante energie che aspettano solo di essere espresse.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Coronavirus, sono 2.207 i nuovi casi in Toscana. 48 i decessi: quattro sono aretini

  • Coronavirus: 1.892 nuovi casi e 44 decessi. I dati della Regione Toscana

  • Coronavirus, calo dei casi in Toscana: oggi 962 positivi

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento