Claire Dowie, la pluripremiata compagnia Menoventi e il musicista John De Leo a Kilowatt

La programmazione di Kilowatt si apre, come durante tutto il festival (abitazione privata, ore 17.00, 18.00 e 19.00, quattro spettatori per replica), con il richiestissimo progetto speciale “Come va a pezzi il tempo”, di Progetto Demoni, compagnia...

Claire Dowie Can Can-min

La programmazione di Kilowatt si apre, come durante tutto il festival (abitazione privata, ore 17.00, 18.00 e 19.00, quattro spettatori per replica), con il richiestissimo progetto speciale “Come va a pezzi il tempo”, di Progetto Demoni, compagnia nata dall'unione professionale e di vita di Alessandra Croco, cresciuta nell'ambito di Teatro Koreja, e di Alessandro Miele, attore con Marco Martinelli e fondatore della compagnia Menoventi. In una casa abbandonata da poco lo spettatore attraverserà le stanze e le vite di chi le ha abitate, portato dentro ciò che accade, senza barriere, testimone discreto dell'eco di un passato che rivive ancora una volta. Lo spettacolo, in prima nazionale, sarà realizzato attraverso una residenza creativa presso CapoTrave / Kilowatt, sostenuta dal bando Sillumina - Copia privata per i giovani, per la cultura.

E' affidato a Luca Garrò il programma musicale, centrato sulla musica rock d'autore italiana e internazionale, che inaugurerà oggi, alle ore 18, sotto il loggiato del Palazzo delle Laudi, con John De Leo, cantante e fondatore dei Quintorigo, che ha partecipato ad alcuni dei più importanti festival italiani tra i quali RomaEuropa, La Milanesiana e il Festival della Letteratura a Mantova.

Tre spettacoli dedicati al femminile si alterneranno nella serata. Apre la terna (teatro alla Misericordia, ore 20.10) una delle compagnie più interessanti del panorama teatrale italiano. Menoventi, vincitori nel 2011 del premio Rete Critica e nel 2012 sia del premio Hystrio-Castel dei Mondi sia del premio “Lo Straniero” presenteranno, in prima assoluta, “Docile”, una pièce originale che nasce dalla volontà di indagare il tema della giustizia sociale attraverso la fiaba moderna di una donna mite e rassegnata, soggetto “socialmente debole” posto di fronte a una realtà sconosciuta.

Radicalmente diverso "Api Regine - commedia fantascientifica sull'eliminazione del maschio", commedia nera che indaga, attraverso i meccanismi del racconto di fantascienza fra humor e catastrofe, i rapporti di potere e le devianze di una società distopica femminista. Messo in scena dalle compagnie Murmuris e AttoDue da un testo originale di Magdalena Barile (anteprima, auditorium Santa Chiara, ore 21.45), lo spettacolo è un omaggio al racconto Mine-Haha del drammaturgo tedesco Frank Wedekind, dove un collegio di bambine danzatrici diventa la fucina perfetta di “merce viva e preziosa” prima di essere gettata in pasto alla società capitalista.

Si conferma, dopo il fortunatissimo esperimento dello scorso anno, lo spazio riservato al circo contemporaneo sulla piazza principale della città, che porterà a Sansepolcro, da lunedì 16 a sabato 21 (piazza Torre di Berta, ore 22.00) alcuni dei più noti artisti circensi a deliziare e tenere con il fiato sospeso adulti e bambini. Primo appuntamento, questa sera, i Laden Classe con “193 problemi”, esperimento sociale che prende forma dai problemi vissuti dalla compagnia, una lista di disagi dal sapore tragicomico, avventure amare e imprevisti a lieto fine, problemi futili e barriere umane: uno spettacolo che ad ogni replica oltrepassa le frontiere.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Conclude la terna degli spettacoli al femminile la prima nazionale di "When I Fall, If I Fall” di e con Claire Dowie. Scrittrice, attrice, poetessa e pioniera dello stand-up theatre, una delle figure più anticonformiste del teatro contemporaneo e fra le più acclamate della scena londinese odierna, Claire Dowie ha iniziato operando nel circuito dei teatri alternativi di Londra. Esplosiva, penetrante e leggera, la sua drammaturgia dà luogo a una sorta di manifesto impietoso e spassoso, dove indaga, a metà fra un’autobiografia ribalda e talvolta dolorosa, il tema dell’identità sessuale. A Sansepolcro la performer porterà in scena (chiostro di Santa Chiara, ore 23.10) uno spettacolo originalissimo, centrato su un'anziana danzatrice impegnata a mettere in scena il suo ultimo can can, con tutti gli inconvenienti che l'età comporta ma che la sua determinazione e la sua fantastica voglia di vivere e ridere supereranno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Coronavirus, 17enne postivo: classe di una scuola superiore in isolamento. Tamponi in corso

  • Otto casi di coronavirus nell'Aretino. Deceduto un paziente di 67 anni

  • Coronavirus in provincia di Arezzo: +13 casi. Quasi tutti in città

  • Tremendo schianto lungo la regionale 71: ragazzina di 12 anni travolta da un'auto

  • Corsa a sindaco, tutti i risultati che hanno portato al ballottaggio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento