menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
baratti-buca-delle-fate

baratti-buca-delle-fate

Chi al mare, chi ai monti: itinerari low cost di Ferragosto. La buca delle Fate, un fiume e grandi vini

Un giorno, massimo due di vacanza. D'altronde il lavoro (flessibile) chiama e non è tempo di scialacquare. Il weekend di Ferragosto può essere la scusa per una breve ma intensa gita low cost: Arezzo Notizie propone due itinerari, uno di mare, uno...

Un giorno, massimo due di vacanza. D'altronde il lavoro (flessibile) chiama e non è tempo di scialacquare. Il weekend di Ferragosto può essere la scusa per una breve ma intensa gita low cost: Arezzo Notizie propone due itinerari, uno di mare, uno di campagna/montagna. Fuori dai tragitti ordinari, non troppo reclamizzati, eppure sorprendenti.

loro-ciuffenna2

Qui sopra Loro Ciuffenna, in Valdarno. In alto la Buca delle Fate, nel comune di Piombino

Un castello sul mare, la Buca delle Fate, le tombe nel bosco

Il primo itinerario è marittimo, siamo al sud della provincia di Livorno, nel comune di Piombino. La destinazione è Baratti, che dà il nome a un golfo con vedute mozzafiato. Imperdibile Populonia, con il castello che domina il promontorio, e il parco archeologico con tracce degli Etruschi eccezionalmente conservate.

Prima di giungere a Populonia, in località Reciso, c'è uno spiazzo, base di partenza per una serie percorsi tra mare e boschi. Lungo il tragitto ci sono tombe etrusche, osservabili ai lati dei sentieri. Tra i percorsi (a piedi e in mountain bike) quelli che conducono a Cala Moresca e alla Buca delle Fate, non agevoli ma nemmeno impossibili. Quest'ultima è una scesa a mare dalla bellezza ancora selvaggia. Non c'è spiaggia, soltanto sassi, l'acqua è cristallina. L'ideale per chi ama lo snorkeling. La veduta durante la discesa è emozionante. Acqua e panini al sacco, non esistono bar nelle vicinanze.

Una pieve enigmatica, l'antico mulino e una visione sospesa nel tempo

loro-ciuffenna1

Il secondo è per chi non si allontana dalla provincia di Arezzo. Alle pendici del Pratomagno (che peraltro in questi giorni offre la possibilità di fantastiche escursioni), sorge l'antico insediamento di Loro Ciuffenna. Da non perdere una visita all'enigmatica Pieve di Gropina. Ma anche a una delle tante cantine della zona. Quale? Poco importa, il Valdarno Superiore è terra di grandissimi vini, difficilmente ci si può sbagliare.

Loro Ciuffenna, toponimo dalla pianta di alloro (laurus in latino) e dal fiume Ciuffenna che attraversa il paese, è un agglomerato antichissimo. E' inserito tra i Borghi più belli d'Italia. Di origine etrusca, è caratterizzato dall'essere posto lungo la Cassia Vetus, oggi strada Setteponti. Un ponte medievale sul Ciuffenna lo contraddistingue: la vista è meravigliosa. Da visitare anche il mulino, il più antico ad acqua ancora funzionante in Toscana. Da vedere anche museo e casa dello scultore Venturino Venturi.

@MattiaCialini

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Calcio

    Triestina-Arezzo. Le pagelle di Giorgio Ciofini

  • Scuola

    "Social ma non per gioco" i corsi per gli studenti di Foiano

  • Cucina

    I quaresimali: un peccato di gola concesso anche alle monache

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento