La Fondazione Bruschi propone percorsi e attività di didattica a distanza per scuole e genitori

In questo periodo di chiusura dei Musei e di impossibilità di organizzare per i bambini visite di istruzione, che permettono di imparare divertendosi, la Fondazione Bruschi è a disposizione degli insegnanti per realizzare percorsi di interazione con i ragazzi, proposti con diversi strumenti e modalità sia per le classi che fanno lezione in aula, sia per quelle che svolgono la didattica a distanza da casa

La Fondazione Ivan Bruschi, amministrata da UBI Banca, mantenendo chiuso al pubblico il Museo nel rispetto delle norme contenute nel nuovo DPCM, propone a tutte le scuole la possibilità di attivare percorsi speciali da realizzare tramite gli strumenti della didattica a distanza.
La mostra “L’Oriente in casa. Opere dalla collezione di Frederick Stibbert” presenta infatti, per le diverse fasce d’età degli studenti, spunti interessanti per costruire nuove esperienze di apprendimento: dal viaggio di Marco Polo nella via della seta verso la Cina, agli aspetti più artistici della cultura dell’antico Egitto, dal racconto delle “Mille e una notte” che passa dagli oggetti in metalli sbalzati e smaltati dell’arte islamica, alla scoperta della storia del Giappone attraverso le figure dei samurai e delle loro splendide armature.

In questo periodo di chiusura dei Musei e di impossibilità di organizzare per i bambini visite di istruzione, che permettono di imparare divertendosi, la Fondazione Bruschi è a disposizione degli insegnanti per realizzare percorsi di interazione con i ragazzi, proposti con diversi strumenti e modalità sia per le classi che fanno lezione in aula, sia per quelle che svolgono la didattica a distanza da casa.

Anche per i genitori che desiderano proporre un pomeriggio diverso ai propri bambini dai 6 anni in su è possibile prenotare una visita virtuale della mostra con la possibilità di interagire con lo staff della Fondazione Bruschi per realizzare percorsi creativi e didattici divertenti.

Per conoscere tutti i dettagli della proposta è sufficiente telefonare al numero 0575 354126 o scrivere a info@fondazioneivanbruschi.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • In aula insieme ad Angelo. La storia di una classe tornata sui banchi per non lasciare solo l'amico

  • Spostamenti, la nuova ordinanza in Toscana. Cosa si potrà fare

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento