rotate-mobile
Cultura

Il busto di Mecenate è stato restaurato: il taglio del nastro

Il busto ottocentesco di Mecenate è stato restaurato, valorizzato, reinaugurato e reso alla città in tutta la sua storicità. L’iniziativa è stata fortemente voluta dal Lions Club Arezzo Mecenate che, portando nel nome il ricordo del patrizio...

Il busto ottocentesco di Mecenate è stato restaurato, valorizzato, reinaugurato e reso alla città in tutta la sua storicità. L?iniziativa è stata fortemente voluta dal Lions Club Arezzo Mecenate che, portando nel nome il ricordo del patrizio romano promotore di arte e letteratura, ha deciso di impegnarsi per un pieno recupero del monumento a lui dedicato e collocato nei giardini dell?anfiteatro romano adiacenti al museo archeologico nazionale ?Mecenate?.

L?opera è del 1834 e, donata alla città dal medico Pietro Manni su copia del busto di Mecenate esposto nei Musei Capitolini di Roma, fu inizialmente posta nel palazzo del Comune ed è stata poi collocata nell?attuale posizione all?inaugurazione del museo nel 1937, ma nel corso dei decenni è stata danneggiata, rovinata e annerita dall?azione degli agenti atmosferici e dello smog. Il Lions Club Arezzo Mecenate ha così scelto di valorizzare questo busto e ha sostenuto i lavori di restauro in stretta sinergia con il Polo Museale della Toscana a cui fanno capo lo stesso museo archeologico e l?anfiteatro, con cui è stato definito il progetto ed è stato affrontato l?iter burocratico.

«I Lions sono da sempre impegnati al servizio del territorio - spiega Paolo Lupo, presidente del club, - e noi abbiamo scelto di declinare questo impegno da un punto di vista culturale e artistico, trovando la preziosa collaborazione della dottoressa Maria Gatto. Il busto di Mecenate è collocato in uno degli angoli più affascinati e storici della città ma, purtroppo, da anni giaceva in degrado e aveva perso la sua monumentalità e la sua storicità: siamo orgogliosi di aver sostenuto le spese e la burocrazia per compiere questo intervento di restauro che rende l?opera alla fruizione di cittadini e di turisti, recuperando una parte importante della memoria e dell?identità della nostra città».

Il monumento è stato inaugurato con una cerimonia pubblica a cui erano presenti, oltre allo stesso Lupo, anche il direttore del Polo Museale della Toscana Stefano Casciu, la direttrice del Museo Archeologico e dell?anfiteatro Maria Gatto, l?assessore comunale Marcello Comanducci, il consigliere provinciale Alessandro Caneschi e il secondo vicegovernatore del distretto 108LA Toscana dei Lions Pier Luigi Rossi. Nell?occasione sono stati presentati i lavori di restauro del busto per riportarlo alle condizioni originarie, a partire dalla ricostruzione del naso di Mecenate e dalla pulitura di tutte le superfici, fino ad arrivare alla realizzazione di una pavimentazione perimetrale, all?installazione di un dissuasore in acciaio per proteggerlo e all?applicazione di una targa in due lingue che potrà finalmente presentare l?opera e il personaggio storico agli aretini e ai turisti.

«Questo monumento da tempo chiedeva di essere recuperato - ha commentato Casciu, - e l?occasione è arrivata grazie al Lions Club Arezzo Mecenate che ha fornito un modello di positiva collaborazione tra pubblico e privato che, unendo le forze, può portare a grandi risultati e può contribuire a valorizzare ancor di più i tanti tesori delle nostre città».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il busto di Mecenate è stato restaurato: il taglio del nastro

ArezzoNotizie è in caricamento