Cultura

L’artista casentinese Sara Lovari espone undici installazioni nel Museo delle Biccherne di Siena

Mercoledì 9 giugno, dalle 11 alle 13, è previsto un incontro con l’artista per la “Giornata Internazionale degli Archivi”

L'artista Sara Lovari (ph. ufficio stampa)

Il Museo delle Biccherne, interno all’Archivio di Stato di Siena di via Banchi di Sotto 52, ospita da venerdì 4 giugno a sabato 30 ottobre “Scriptae”, mostra personale di Sara Lovari a cura di Laura Monaldi. L’evento espositivo, organizzato da Ministero della Cultura e Archivio di Stato di Siena, è inserito nel programma del festival “Archivissima - La notte dei Archivi”, quest’anno dedicato al tema “generazioni”. Sabato 5 giugno, alle 11, l’inaugurazione ufficiale. Mercoledì 9 giugno, dalle 11 alle 13, è previsto un incontro con l’artista per la “Giornata Internazionale degli Archivi”.

La mostra

La mostra “Scriptae” di Sara Lovari dialoga con i tesori dell’Archivio di Stato di Siena e del Museo delle Biccherne, declinandosi in undici variazioni sul tema della conoscenza trasmessa e impressa sulla carta. L’archivio è infatti un luogo di memoria, custode del tempo e della storia, in cui la scrittura e la lettura divengono ponte per la costruzione delle nuove generazioni.

In esposizione undici installazioni ambientali, tra il fascino dell’oggetto e la poeticità della parola che riscoprono l’alto valore della tradizione e l’importanza dell’esistenza degli Archivi di Stato e dei loro musei, coniugando l’idea che il sapere è un viaggio di scoperta dal buio alla luce, dall’inchiostro alla dattilografia, fino all’immortalità del prodotto editoriale, protettore della nostra identità.

La carta è per l’artista casentinese un vettore di sapienza, portatrice di messaggi e di immagini capaci di trascendere il tempo e lo spazio: pitto-sculture da leggere e apprezzare e con cui interagire. In mostra infatti anche due installazioni performative: un libro che invita il pubblico a lasciare un messaggio o una semplice firma, come testimonianza del proprio passaggio e un’antica “bolgetta” che custodirà le tracce di coloro che vorranno riempirla con una propria missiva indirizzata all’archivio, per tutto il periodo della mostra. “Scriptae” di Sara Lovari sarà visitabile negli orari di apertura dell’Archivio di Stato di Siena.

Per informazioni sono attivi il numero 0577/247145 e l’indirizzo as-si.comunicazione@beniculturali.it.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L’artista casentinese Sara Lovari espone undici installazioni nel Museo delle Biccherne di Siena

ArezzoNotizie è in caricamento