Antiquari a Palazzo: nel week end della Fiera la Fondazione Ivan Bruschi ospita i tesori dell’antiquariato

In occasione della Fiera Antiquaria di sabato 6 e domenica 7 febbraio la Fondazione Ivan Bruschi ospita “Antiquari a Palazzo”, all’interno di Palazzo della Fonte, divenuto “palazzo” di molti antiquari che hanno scelto questo splendido luogo...

BERNAVA 4

In occasione della Fiera Antiquaria di sabato 6 e domenica 7 febbraio la Fondazione Ivan Bruschi ospita “Antiquari a Palazzo”, all’interno di Palazzo della Fonte, divenuto “palazzo” di molti antiquari che hanno scelto questo splendido luogo, situato nel cuore del centro storico della città e immerso tra i banchi della Fiera che fu ideata proprio da Bruschi negli anni ‘60, per mostrare e vendere al pubblico i loro oggetti d’arte, di antiquariato, modernariato e molto altro ancora.

Otto sale che vedono esposti tesori artistici provenienti da diverse parti d’Italia, scoperti da esperti antiquari.

Segnaliamo in particolare una splendida statua in marmo di Verona del XV sec. raffigurante un cane con occhi realizzati in piombo, un meraviglioso orologio a torre, dipinto, di ambito bolognese datato XVII sec. che reca sul fronte stemmi nobiliari, un acquasantiera a conchiglia in marmo di Carrara di periodo Barocco e, infine, una rara scatola romana in zolfo con scene mitologiche di inizio ‘700, un pezzo unico nel suo genere. Tutti questi pezzi sono esposti all’interno dello stand del negozio di antiquariato “Alta epoca” di Sebastiano Bernava.

La gioielleria d’epoca trova invece spazio nell’esposizione curata da Rosi Blu antiquariato, di Reggello, gioielli di alto livello che spaziano dagli anni ’30 ai ’60; in particolare segnaliamo una bellissima collana in micro perle con fermatura in oro e diamanti, anni ’40.

L’antiquaria Beatrice Caratelli, di Pienza, presenta una splendida scultura in avorio “Madonna con Bambino”, rara e particolare per le sue forme stilizzate, realizzata all’inizio del ‘900, un mezzaro genovese della seconda metà dell’800 con importanti decori floreali e animali di sapore orientale e una testa in bronzo raffigurante Pericle di fine XIX sec.

L’antiquario Claudio Valiani di Antichità Valiani di Roma espone il bellissimo dipinto “Madonna del Pannolini” di Giovanni Pietro Rizzoli detto Giampietrino, allievo di Leonardo da Vinci, datata tra il 1495 e 1549, l’opera è stata esposta all’interno della mostra che si è tenuta a Sorrento e dedicata proprio a da Vinci “Rinascimento Fantastico”; lo splendido bozzetto “Giuseppe e i suoi fratelli”, di Lucatelli-Mola, il bozzetto ad olio su tela era stato commissionato a Cortona e realizzato per l’affresco della sala gialla del Quirinale, infine, la bellissima scultura “Lucifero”, su legno laccato, napoletana, del ‘700.

Questi e molti altri oggetti impreziosiranno e arricchiranno le sale di “Antiquari a Palazzo”, non solo per la Fiera. Ogni giorno i visitatori dell’esposizione potranno ammirare e acquistare oggetti impregnati di arte e storia. Grazie all’assistenza del personale della Fondazione, inoltre, saranno disponibili agevolazioni e servizi dedicati agli espositori che dovranno necessariamente trattenersi e pernottare.

Sempre in occasione dell’Antiquaria domenica 7, dalle 16.30, si terrà l’appuntamento conclusivo del laboratorio di scrittura drammaturgica “Museo in scena – l’opera d’arte si racconta”, iniziato lo scorso mese.

Il laboratorio, composto da 12 partecipanti e presieduto da Samuele Boncompagni, autore e attore teatrale, laureato in drammaturgia e specializzato all’Accademia di Arti e Mestieri del Teatro alla Scala di Milano e fondatore dell’Associazione Culturale Noidellescarpediverse, ha come obiettivo la scrittura di pezzi brevi teatrali, in particolare monologhi, ispirati ad una delle molte opere, scelta dai partecipanti, esposte all’interno della Casa Museo. I migliori elaborati saranno letti nel corso dell’evento conclusivo di domenica 7 febbraio.

Un evento unico grazie al quale gli ospiti del Museo potranno assistere a uno spettacolo teatrale “in movimento”: i partecipanti, infatti, non si esibiranno su un palco o in un’unica sala, ma percorreranno il Museo di Casa Bruschi e vicino all’opera che li ha ispirati daranno vita alla loro performance.

Info e orario di apertura al pubblico

9-19.30 in occasione della Fiera Antiquaria

10-13/14-18 tutti i giorni, dal martedì alla domenica (chiuso il lunedì)

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ricordiamo, inoltre, che in occasione della Fiera, anche l’ingresso alla Casa Museo Ivan Bruschi è gratuito e che in questo momento, oltre alla collezione permanente, è possibile visitare anche le due mostre temporanee: “Andrea di Nerio la Madonna Sarti ad Arezzo”, prorogata fino al 13 di marzo, offre al visitatore non solo la ricostruzione della memoria storica di Andrea di Nerio, oggi riconosciuto come il maestro di Spinello Aretino, ma anche di quello che fu il suo contesto culturale per ripercorrere il linguaggio artistico proprio della scuola aretina del Trecento e l’esposizione “Il Cinema dipinto”, che terminerà proprio domenica 7 febbraio e che vede protagoniste le opere originali di Carlantonio Longi, (Livorno 1921- Sinalunga 1980), noto pittore, illustratore e cartellonista, che ha legato il suo nome all’immagine disegnata e pubblicitaria di alcuni dei più famosi film del cinema italiano e internazionale come Senso di Luchino Visconti, Uccellacci e Uccellini di Pier Paolo Pasolini, Lo Sceicco Bianco di Federico Fellini e Il Mago di Oz di Victor Fleming.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Coronavirus, 17enne postivo: classe di una scuola superiore in isolamento. Tamponi in corso

  • Otto casi di coronavirus nell'Aretino. Deceduto un paziente di 67 anni

  • Coronavirus in provincia di Arezzo: +13 casi. Quasi tutti in città

  • Tremendo schianto lungo la regionale 71: ragazzina di 12 anni travolta da un'auto

  • Coronavirus: +7 casi nell'Aretino. Ci sono due studenti delle superiori (Itis Galilei e Isis Valdarno) e un neonato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento