rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Cultura Centro Storico / Corso Italia, 108

Pienone e applausi per Alessandro Haber, mattatore al Passioni Festival

Per più di due ore l'attore e regista si è concesso al caloroso pubblico del Passioni Festival raccontando, senza peli sulla lingua, svariati aneddoti e storie inerenti al suo lavoro e alla sua carriera di attore

Nella serata di sabato 4 dicembre la presentazione del suo libro “Volevo essere Marlon Brando (ma soprattutto Gigi Baggini)” edita da Baldini+Castoldi si è trasformata in un one man show di Alessandro Haber al Circolo Artistico, culminata con una standing ovation finale.

Alessandro Haber ad Arezzo

Per più di due ore l'attore e regista, incalzato dalle domande del giornalista Luca Caneschi, si è concesso al caloroso pubblico del Passioni Festival raccontando, senza peli sulla lingua, svariati aneddoti e storie inerenti al suo lavoro e alla sua carriera di attore. Dal primo incontro a Roma con Carmelo Bene che lo ha introdotto al mondo del teatro, fino al racconto commosso di quando Pupi Avati lo scelse come attore in un suo film. In mezzo, tanti racconti divertenti e sempre sinceri, come quella volta in cui lui, Haber, recitando una scena di un film insieme a Vittorio Gassman, non riusciva a ricordarsi le parole dall’emozione. Il racconto di una vita di attore istrionico e apprezzato dai più grandi registi e attori italiani. Da Carmelo Bene a Vittorio Gassman, da Pupi Avati a Nanni Moretti. Incontri, ricordi, aneddoti, spesso dialoghi riportati per intero avvenuti con i grandi del cinema italiano, e che hanno incantato il pubblico del Passioni Festival – tra cui era presente anche l’europarlamentare Simona Bonafè. Alla fine tutta la platea del Circolo Artistico non ha potuto far altro che alzarsi in piedi ed applaudire.

La serata con Alessandro Haber al Circolo Artistico è stata resa possibile grazie al sostegno di alcuni amici del Passioni come Cooperativa Sociale Koinè, Atlantide Adv, La Feltrinelli Point Arezzo, Tenuta di Frassineto, Ristorante La Pieve e Vogue Hotel.

Si chiude dunque con una standing ovation la stagione 2021 del Passioni Festival. Adesso le attenzioni sono proiettate verso la stagione 2022, nella quale non mancheranno sorprese e grandi ospiti per festeggiare nel migliore dei modi il decimo anno della kermesse.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pienone e applausi per Alessandro Haber, mattatore al Passioni Festival

ArezzoNotizie è in caricamento