menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sport e cultura, nasce così la nuova collaborazione fra Mumec e Centro sportivo italiano

Il Csi Arezzo in sinergia con Mumec Museo dei Mezzi di Comunicazione di Arezzo intende sviluppare progetti di rete con i propri associati con eventi e presentazioni tematiche realizzate grazie al binomio Csi-Mumec

Nascono nuove sinergie nella città di Arezzo ad unire storia, tradizioni, cultura e sport. Sono il Museo dei Mezzi di Comunicazione ed il  Centro Sportivo Italiano di Arezzo, due realtà presenti da anni nel territorio e da sempre impegnati nel ramo sociale. 

“Il Mumec Museo dei Mezzi di Comunicazione” spiega Valentina Casi, Direttrice, “racconta, attraverso la storia dei suoi 2000 oggetti esposti i passi avanti fatti dalla tecnologia e, parallelamente, del ruolo che essa ha svolto nelle nostre vite. In campo sportivo sono stati proprio i moderni mezzi quali la radio prima e la televisione poi a portare lo sport nelle nostre case, svolgendo di fatto non solo un ruolo meramente informativo ma soprattutto sociale”.

Il Centro Sportivo Italiano é un'associazione senza scopo di lucro, fondata sul volontariato, che promuove lo sport come momento di educazione, di crescita, di impegno e di aggregazione sociale, ispirandosi alla visione cristiana dell'uomo e della storia nel servizio alle persone e al territorio.
In qualità di associazione polisportiva attiva più antica d'Italia, il CSI risponde ad una domanda di sport non solo numerica ma qualificata sul piano culturale, umano e sociale. 

Oggi, nell'ottica di incrementare i progetti di rete e di formazione dei propri affiliati, il Csi Arezzo in sinergia con Mumec Museo dei Mezzi di Comunicazione di Arezzo intende sviluppare progetti di rete con i propri associati con eventi e presentazioni tematiche realizzate grazie al binomio Csi-Mumec. Bernardini continua "Senza la comunicazione lo sport rimane immobile, statico, privo di emozioni. Essa è allo stesso tempo mezzo di trasmissione di emozioni passate, presenti e future dello sport. Con un'immagine, un video, un messaggio radio riusciamo a comunicare tutto quello che vogliamo e quindi poter trasmettere gioie e dolori che fanno parte del mondo sportivo".

Un nuovo rapporto, quello nato fra le due realtà aretine, che già da fine 2020 vedrà l’inizio  dell’attuazione di progettazioni condivise.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Psicodialogando

    I 7 segnali della violenza psicologica nella vita di coppia

  • Gossip Style

    Il mistero di Coco Chanel, vera influencer prima dei social

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento