Dall'università all'Aurora, passando per il Circolo Artistico: le iniziative per l'8 marzo ad Arezzo e in provincia

Arezzo Alle ore 17,30 è in programma presso la Casa Museo Ivan Bruschi l’incontro “1927. Il Ritorno in Italia”, con la presenza di Stefania Ricci, Direttrice del Museo Salvatore Ferragamo. Attraverso un dialogo con Carlo Sisi, Conservatore della...

acacia_mimosa_festa_della_donna_a_sorrento
Arezzo Alle ore 17,30 è in programma presso la Casa Museo Ivan Bruschi l’incontro “1927. Il Ritorno in Italia”, con la presenza di Stefania Ricci, Direttrice del Museo Salvatore Ferragamo.
Attraverso un dialogo con Carlo Sisi, Conservatore della Fondazione Bruschi, Stefania Ricci farà riscoprire l’Italia degli anni venti a bordo del transatlantico “Roma”, la celebre imbarcazione sulla quale viaggiò Salvatore Ferragamo in occasione del rientro in patria dopo un’esperienza di dodici anni negli Stati Uniti. Il racconto, da un punto di vista privilegiato, dell’interessante storia del “calzolaio delle star”: l’uomo che, creando calzature tra le più belle del mondo, ha saputo valorizzare il fascino di donne come Marilyn Monroe, Greta Garbo e Audrey Hepburn.


Arezzo In occasione della festa internazionale della donna il dipartimento aretino di Scienze della formazione, scienze umane e della comunicazione interculturale dell'Università di Siena organizza un seminario e una tavola rotonda sui temi dell'apprendimento trasformativo e sul superamento dei pregiudizi di genere nei contesti organizzativi. Dalle ore 9.30, presso la Sala dei Grandi del campus del Pionta, Silvia Gherardi e Antonio Strati dell'Università di Trento, insieme a Ferdinando Abbri e Bruno Rossi del dipartimento aretino, parleranno di "Metodologie Trasformative. Ricerca, Formazione, Apprendimento", e sarà presentato il volume di Loretta Fabbri e Alessandra Romano "Metodi per l'apprendimento trasformativo", edito da Carocci. A seguire, dalle ore 11, presso l'Aula 1, si terrà la tavola rotonda, organizzata in collaborazione con l'associazione dei laureati dell'Università di Siena USiena Alumni, dal titolo "Cittadinanza di genere e leadership. Come superare i pregiudizi di genere". Sono previsti gli interventi di Loretta Fabbri, Eleonora Anselmi, Cinzia Angeli, Simonetta Botarelli, Simona Micali, Franco Franceschi, Claudio Melacarne, Alessandra Romano e delle studentesse Valeria Atza, Martina Capaccioli e Ilaria Masselli del Club UNISI-LM 85, con le conclusioni a cura di Francesca Bianchi.

Arezzo Auser ha attivato la sartoria della solidarietà. L'ha chiamata "Sartoria 8 marzo" e la inaugura in occasione della festa della donna. Appuntamento alle ore 10,30 nei locali allestiti al numero 54 di via san Lorentino ad Arezzo.

"Le sartorie della solidarietà Auser - ricorda il Presidente Franco Mari - sono una realtà concreta e presente in tutta la regione, opportunità di integrazione, partecipazione, scambio sociale e solidale di donne che, valorizzando il loro sapere e la loro professionalità, li mettono a disposizione di progetti di solidarietà nazionale e internazionale, di aiuto a soci in difficoltà con riparazioni e d’insegnamento professionale alle nuove generazioni".

"Per presentare la sartoria - conclude Mari - abbiamo scelto la giornata simbolo dei diritti e della parità di genere, della lotta contro le discriminazioni, la violenza ed i soprusi, ricordando le conquiste politiche e sociali del movimento democratico e per rinsaldare nella memoria di ciascuno i valori di libertà individuali e collettive, come base fondante di convivenza civile tra diversi e perché sia otto marzo ogni giorno".

Arezzo NON SONO QUI” è il titolo che l’Associazione del Bangladesh ha deciso di dare alle sue celebrazioni per la Festa delle Donne.
“Non sono qui” per dire in occasione della Festa della Donna, che proprio le donne, ogni giorno e non solo l’8 marzo, devono difendersi da qualcosa, o da qualcuno. E che non hanno né voglia, né tempo di ripeterlo anche oggi. Per l’ennesima volta. E allora è meglio non esserci. “Non sono qui” perché servirebbe a qualcosa un ulteriore cartellone con la scritta "no alla violenza sulle donne"? “Non sono qui”, perché servirebbe a qualcosa che dei giornalisti facciano delle foto, come allo zoo, foto che metteranno poi su un giornale accompagnate da tante belle parole? Parole, che nel corso degli anni abbiamo capito non serviranno a niente? Una volta girata la pagina del giornale, della dignità delle donne se ne saranno già dimenticati tutti. Come sempre, anche quest’anno. Quindi le donne non ci saranno. Al loro posto, ci saranno delle sagome a rappresentarle, delle sagome, che potrete venire a visitare domani mattina, dalle 10, alle 13, sotto i portici di via Roma, che ripetano ciò che già sappiamo tutti, perché le donne, anche oggi, saranno impegnate a lottare per i loro diritti e per la difesa del proprio corpo a casa, sul luogo di lavoro e per la strada. Sagome parlanti, che racconteranno le violenze piccole, o grandi, che ogni donna subisce costantemente: NON SONO QUI perché non avevo tempo. La differenza nei redditi medi dichiarati al fisco tra uomini e donne italiane è del 33,4%. Ossia, per ogni 100 euro guadagnati dagli uomini, le donne ne hanno guadagnati 66,6. NON SONO QUI perché non avevo tempo. La settimana lavorativa media, considerando sia il lavoro retribuito sia quello familiare, è di 39 ore e mezza per gli uomini e di 46 ore e 52 minuti per le donne NON SONO QUI perché mi sto difendendo da violenze fisiche. Il 31,5% delle donne tra i 16 e i 70 anni (6 milioni 788 mila) ha subìto nel corso della propria vita una qualche forma di violenza fisica o sessuale: il 5,4% (1 milione 157 mila) le forme più gravi della violenza sessuale come lo stupro (652 mila) e il tentato stupro (746 mila). NON SONO QUI perché mi sto difendendo da violenze fisiche. Le forme più gravi di violenza sono esercitate da partner, parenti o amici. Gli stupri sono stati commessi nel 62,7% dei casi da partner, nel 3,6% da parenti e nel 9,4% da amici. NON SONO QUI perché sono a studiare. Le donne in età attiva hanno un maggiore livello di istruzione (il 53,8% delle donne ha un diploma o laurea a fronte del 49,2% degli uomini, soprattutto in ragione della maggiore incidenza di laureate). NON SONO QUI perché sto cercando lavoro. Nel 2016 il tasso di occupazione femminile tra i 15 e i 64 anni si attesta al 48,1%, con una distanza di 18,4 punti percentuali rispetto a quello maschile (66,5%). NON SONO QUI perché non sono più viva. Delle 149 donne vittima di omicidi volontari nel 2016, 76 sono state uccise dal partner o dall’ex partner e 33 da un parente. NON SONO QUI perché sono in maternità. La probabilità di lavorare con un contratto a tempo indeterminato o a tempo pieno per una donna rispetto a un uomo si riduce, dopo 36 mesi, 16%. Dopo venti mesi, la donna percepisce stabilmente circa il 12% in meno rispetto al reddito potenziale in assenza della nascita del figlio. La penalità reddituale raddoppia (intorno al 20% dopo sedici mesi) fra le donne senza un contratto a tempo indeterminato. Ripetendo la stessa analisi per i padri, la paternità non ha alcun impatto negativo sulla carriera lavorativa né sul reddito. NON SONO QUI perché non ho una voce in politica. Nel nostro paese ci sono solo due donne presidenti di regione. La quota delle assessore supera il tetto del 35%, ma la stragrande maggioranza delle incaricate si occupa di Affari sociali, Cultura e Lavoro: molto raramente delle cosiddette deleghe pesanti.

Arezzo Alle 21,30 presso il circolo Aurora prosegue la rassegna di teatro e di danza AuroraInScena, organizzata da Cantiere Artaud e Diesis Teatrango presso il Circolo Aurora di Arezzo. Il quarto appuntamento in programma, verrà presentato Donne, diritti, lavoro, libertà, esito della prima parte del laboratorio curato al Circolo ARCI di Piazza Sant’Agostino da Sara Bonci e Ciro Gallorano. La performance, pensata in occasione della giornata internazionale della donna, vedrà in scena le giovanissime Ghilda Gallifoco, Jasmine Giannini, Caterina Livraghi e Alessia Piomboni, alcune delle allievi impegnate nel percorso formativo da ottobre insieme a Elena Falcone e Agnese Bonci. Ingresso gratuito con tessera ARCI

Arezzo Nella giornata della Festa della Donna anche la Fraternita dei Laici rivolge una particolare attenzione a tutte le donne organizzando una speciale iniziativa a loro riservata realizzata con la collaborazione di Tenute di Fraternita. Nella giornata di giovedì 8 Marzo, la struttura - che osserverà la tradizionale apertura con orario continuato dalle 10:30 alle 18:00 - offrirà un ingresso gratuito a tutte le donne che vorranno visitare il Museo di Fraternita e scoprire i segreti e le bellezze del Palazzo più antico della città. Durante la visita inoltre, nella splendida cornice della Sala del Magistrato con vista sulla piazza grande, le donne in visita saranno omaggiate anche con la degustazione di un buon calice di vino (disponibile dalle ore 15 alle ore 18), a scelta tra i pregiati vini gentilmente offerti dalle azienda di Tenute di Fraternita srl. A tutte le donne che verranno in visita al Museo nella giornata dell’8 marzo verrà inoltre consegnato un coupon sconto di €. 2,00 sul biglietto di ingresso Adulto/ Donna da utilizzare per tornare in visita entro il 31.12.2018 (il coupon è valido sul biglietto di ingresso adulto/donna e non è cumulabile con altre promo in corso – validità fino al 31.12.2018). Alle 21:00, sempre nel Palazzo di Fraternita presso la Casa della Musica, sarà possibile assistere allo spettacolo “Con un poco di zucchero” lettura in musica dal libro di Enzo Fileno Carabba con Maria Cassi, Alda Dalle Lucche e l’ensemble Eos Saxophone Project. (ingresso libero su prenotazione fino ad esaurimento posti info@camuarezzo.it).

Arezzo Nel giorno della festa della donna, al Circolo Artistico un cantante e chitarrista d’eccezione, Sasha Torrisi con il suo “Tributo a Lucio Battisti”. E chi meglio di Lucio Battisti per festeggiare la donna?
Lui alle donne ne ha dedicate davvero tante di canzoni, romantiche, indimenticabili, frizzanti, evocative, su legami, tradimenti e supermercati. Per ricordare questo grande cantautore, che ci manca da 20 anni, SASHA TORRISI ha inserito proprio nel suo tour, la serata al Circolo Artistico e ci farà cantare e sognare ancora. “Tributo a Lucio Battisti” è un progetto di Sasha Torrisi che nasce con l’intento di rivisitare in chiave rock, personale e contemporanea i grandi successi di Lucio Battisti. Una rielaborazione esclusiva e travolgente senza aver timore di confrontarsi con un vero monumento della musica italiana. Sasha si rapporta con eleganza e stile all’universo Battistiano grazie ad una lunga collaborazione con l’autore Mogol, dal quale ha imparato a respirare la forza di testi e melodie ancora attuali.
La serata inizia alle 20.30: aspettando il concerto aperitivo e stuzzichini
Alle 21.30 Sasha canta Lucio
Al termine dolce e brindisi alle donne. L’evento è aperto alla cittadinanza, ma è indispensabile prenotarsi perché i posti sono limitati. 339.7536803

Arezzo Alle 21 alla Casa della Musica di Arezzo arriva Con un poco di zucchero, spettacolo comico e surreale tratto dall’omonima fiaba noir dello scrittore Enzo Fileno Carabba. A portare sul palco questo lavoro in musica dal ritmo irresistibile sono interpreti d’eccezione come l’amatissima attrice fiorentina Maria Cassi e Alda dalle Lucche, alla guida dell’ Eos Saxophone Project, formazione di sassofoni nata dalla sua classe di saxofoni alla Scuola di Musica di Fiesole. In Con un poco di zucchero la verve irresistibile di Maria Cassi riempie la scena, mentre la trascinante energia di Alda Dalle Lucche, ideatrice dello spettacolo, guida l’ensemble Eos Saxophone Project ad interpretare le musiche scritte per lo spettacolo dal giovane compositore colombiano Diego Medellin. Ingresso libero su prenotazione fino ad esaurimento posti disponibili. Per riservare il proprio posto scrivere a info@camuarezzo.it Per maggiori informazioni 0575 1696045 - 334 6505145 info@camuarezzo.it

Cavriglia Come tradizione i primi giorni di marzo coincidono che le iniziative promosse dall'Amministrazione Comunale in occasione della “Giornata internazionale della Donna”. Un programma che partirà l'8 marzo e culminerà sabato 10 marzo con il convegno dal titolo “Storie di Donne e Sport al Femminile” ospitato a partire dalle 16:30 presso l'Auditorium del Museo Mine di Castelnuovo dei Sabbioni. Il confronto, durante il quale si alterneranno interventi di rappresentanti istituzionali, testimonianze dirette ed esperienze , mira ad approfondire il ruolo della donna nel mondo dello sport. Nell'anno che l'Amministrazione Comunale ha dedicato proprio allo sport e al suo valore etico e sociale, il convegno di pone l'obiettivo di dare risalto alle donne che si sono distinte per i risultati conseguiti, come Lara Mori già madrina per Cavriglia dell'”Anno dello Sport”, sia per aver favorito l'aggregazione femminile tramite le discipline sportive.
Il convegno è promosso dall'amministrazione comunale in collaborazione con il Museo Mine.
Il programma di eventi promosso in occasione della “Giornata internazionale della Donna” inizierà, giovedì 8 marzo con il “Pranzo della Donna” ospitato dal Centro Sociale “Filo D'argento”. Il ricavato sarà devoluto alle associazioni no profit impegnate nel territorio per favorire l'aggregazione femminile e celebrare il ruolo della donna.

Cortona Celebra la Giornata Internazionale della Donna giovedì 8 marzo 2018 con una serie di manifestazioni incentrate sulla figura di Teresa Mattei alla quale verrà intitolato il parco giochi di Fratta e sulla quale è in programma un incontro nel salone Mediceo di Palazzo Casali

Teresa Mattei è stata la più giovane eletta nell'Assemblea Costituente, la chiamavano "la ragazza di Montecitorio".


Pensiero libero, donna indipendente.


Nel 1938 venne espulsa da tutte le scuole del Regno per aver rifiutato di assistere alle lezioni in difesa della razza. Nel 1955 fu "cacciata" dal PCI perché contraria allo stalinismo e alla linea togliattiana.



Laureata in filosofia a Firenze, era stata partigiana con il nome di battaglia "Chicchi", molto attiva nella Resistenza e nella lotta di Liberazione, faceva parte dei Gap e, partecipò anche ad attentati in quegli anni difficili. Sorella di un martire della Resistenza, fu seviziata dalle SS, le gesta del suo gruppo partigiano sono state raccontate al cinema da Roberto Rossellini in un episodio di "Paisà". E' stata candidata per il Pci all'Assemblea Costituente, nella quale aveva il ruolo di segretaria dell'ufficio di presidenza. E’ sempre stata in prima fila a battersi per i diritti delle donne, per l'uguaglianza dei cittadini, ha lavorato alla stesura dell'articolo 3, cardine della nostra Costituzione. Ospite della manifestazione l’attrice Alessandra Bedino e gli studenti dell’Istituto Superiore Tecnico Economico di Cortona che presenteranno il loro lavoro sul primo voto alle donne.


Monte San Savino Alle ore 21.15 al Teatro Verdi di Monte San Savino, Officine della Cultura, riprende la Stagione in collaborazione con Fondazione Toscana Spettaco Onlus,


In scena gli Omini e lo spettacolo TAPPA. Lo spettacolo è stato costruito dagli dalla Compagnia riportando in scena gli abitanti di Monte San Savino; infatti hanno vissuto nel cuore del paese per una settimana prima dello spettacolo.


Tappa nasce lì per lì, non ha schemi preconfezionati, canovacci o sovrastrutture. Nei giorni d’indagine Gli Omini intervistano, ascoltano, stanno a guardare e sentire quante più persone possibile senza distinzione tra vecchi e bambini o tra matti di paese e autorità. Lo spettacolo si costruisce sul posto, ed è sempre uno spettacolo nuovo.


Alle ore 18.30 si terrà l’aperitivo, presso il Bar del Teatro Verdi, con i protagonisti dello spettacolo. L’aperitivo è offerto da Monteservizi


Info e Prevendite: Rete Teatrale Aretina – via Bicchieraia 34, tel. 0575 1824380


Monte San Savino

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


Montevarchi Alle ore 17.30 in sala della Filanda al centro culturale di Ginestra Fabbrica della Conoscenza si svolgerà la presentazione del volume "Donne in guerra scrivono - Generazioni a confronto tra persecuzioni razziali e Resistenza 1943-1944”, a cura di Marta Baiardi, con prefazione di Dacia Maraini. Intervengono alla presentazione: Valentina Supino – autrice, Marta Baiardi - Istituto Storico Toscano della Resistenza e dell’Età contemporanea, Caterina Del Vivo - Presidente Anai Toscana. A seguire presentazione del Bando per il Premio Tesi (6° edizione) dedicato alla memoria di Caterina e Nadia Nencioni, le due bambine rimaste uccise durante la strage di via dei Georgofili a Firenze, sul tema: “Essere Donna ... in guerra, nel lavoro, nella famiglia, nel volontariato, nella scuola, nella malattia, nella religione, nella politica, nelle istituzioni, nell'arte, nel cinema, nella musica, nelle mafie”. Durante la serata saranno lette alcune poesie dalla raccolta “Essere Donna” di Ilia Lari.

Pieve Santo Stefano Cerimonia del Premio PIEVE IL VALORE DELLE DONNE dedicato alla memoria di "Grazia Cappelletti" e rivolto alle personalità femminili pievane che si sono distinte nel mondo del lavoro, dello Sport, della Cultura. Il premio è anche intitolato alla memoria della compianta Grazia Cappelletti. L'evento si inserisce da qualche anno nella stagione di PIEVE CLASSICA, e si abbina al tradizionale concerto della Filarmonica Ermanno Brazzini diretta dalla Maestra Marta Paceschi, già esibitasi a PIEVE CLASSICA qualche settimana fa assieme a Paolo Fiorucci nello spettacolo "Loca Milonga un secolo di tango". Quest'anno il premio Pieve il Valore delle Donne andrà alla giovanissima Michela Metozzi, speranza del tennis femminile nata nel 2002, che vincendo il torneo "Discovery Channel" si è aggiudicata la possibilità di allenarsi e disputare un master di Tennis presso la IMG Academy in Florida. Appuntamento come di consueto al Teatro Papini di Pieve Santo Stefano alle ore 21,15 per il Premio Pieve il Valore delle Donne , abbinato alla stagione di PIEVE CLASSICA ed al concerto della Filarmonica Brazzini.

Terranuova Bracciolini Alle 21,30 in occasione della Giornata Internazionale della Donna "Le cantore, dalla Toscana al mondo intero" con Angela Batoni, Lisetta Luchini, Chiara Riondino e con le collaborazioni musicali di Giulio Clementi e Matteo Ceramelli. Tre voci di donna per un percorso sul filo della memoria, dalle radici dell'albero della vita ai rami delle lotte, di ieri e di oggi. Ingresso gratuito
Evento promosso dal Comune di Terranuova Bracciolini

San Giovanni Valdarno Tradizionale pranzo per tutte le signore dell’Asp di San Giovanni Valdarno e delle Rsa di Bucine e Terranuova, gestite da Cooperativa Elleuno e Cooperativa Giovani Valdarno. L’evento gode della collaborazione delle amministrazioni Comunali e delle associazioni Auser, Avo, Caritas, Centro Sociale Pertini di San Giovanni Valdarno. Un appuntamento oramai divenuto fisso per le signore dell’Asp Masaccio” di San Giovanni Valdarno, la “Rsa Fabbri Bicoli” di Bucine e la “Rsa Mons. Amelio Vannelli” di Terranuova Bracciolini, gestite da Cooperativa Elleuno e Cooperativa Giovani Valdarno.

Sansepolcro Alle 15,30 al Teatro Alla Misericordia secondo appuntamento del progetto “Andiamo a teatro insieme”, realizzato da Laboratori Permanenti col sostegno di Fondazione Cassa Risparmio di Firenze, con la collaborazione del Comune di Sansepolcro, e per gli appuntamenti relativi alla stagione al Teatro Dante, con la collaborazione di Fondazione Toscana Spettacolo. Partecipano all’incontro i ragazzi del Liceo Artistico G. Giovagnoli di Sansepolcro che partecipano al progetto #U21andiamoateatro (sempre sostenuto da Fondazione Cassa Risparmio di Firenze).
Alle 17 “Santa Libertà” – prova aperta di e con Fabio Mangolini - musiche di Roberto Manuzzi. Sinossi: Il 21 gennaio 1961, il gruppo Directorio Revolucionario Ibérico de Liberación sequestrò il transatlantico portoghese “Santa Maria” che faceva rotta tra Caracas e Lisbona. Sul transatlantico viaggiavano 586 passeggeri. Il gruppo dei sequestratori era formato da 24 persone di origine iberica (dodici portoghesi e dodici spagnoli) che volevano portare l’attenzione del mondo intero sulle dittature di Antonio de Oliveira Salazar e Francisco Franco. Il sequestro durò tredici giorni durante i quali il transatlantico fece perdere le proprie tracce e vagò tra le coste americane e quelle africane. Durante il suo periplo la nave fu ribattezzata SANTA LIBERDADE.
Info: laboratoripermanenti.promotion@gmail.com
334.5441166 - 328.4186716 Ingresso: intero € 9 - ridotto € 6

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I dilettanti pronti allo stop: "Se il protocollo è questo meglio fermarsi"

  • Otto casi di coronavirus nell'Aretino. Deceduto un paziente di 67 anni

  • Tutti i sindaci di Arezzo dal 1946 ad oggi

  • Coronavirus in provincia di Arezzo: +13 casi. Quasi tutti in città

  • Tremendo schianto lungo la regionale 71: ragazzina di 12 anni travolta da un'auto

  • 7 castelli e ville storiche della provincia di Arezzo che domenica aprono le proprie porte (gratis)

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento