rotate-mobile
Concerti Centro Storico

Donne e resistenza nei colori del fine settimana di Officine social movie

Il fine settimana del festival Officine Social Movie, al Cinema Eden di Arezzo, vedrà tra gli ospiti l'Orchestra Multietnica di Arezzo, la costumista Teresa D'Arienzo (venerdì 24), la psicoterapeuta Simona Cardinaletti, la regista Martina De Polo e la staffetta partigiana Flora Monti (sabato 25). Tutti gli appuntamenti sono ad ingresso libero.

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ArezzoNotizie

Un fine settimana tra premi ed incontri, tutti ad ingresso libero, ad Officine Social Movie, il festival aretino dedicato alle tematiche del sociale e dell’impegno civile quest’anno nel segno delle relazioni. Venerdì 24 maggio, alle ore 10:00, gli appuntamenti del festival inizieranno con la lezione-concerto dell’Orchestra Multietnica di Arezzo che, per l’occasione, aprirà le porte del Cinema Eden ai più piccoli tra gli spettatori, quelli dell’Asilo Nido M. Cesti di Arezzo. Alle ore 17:30 “I mestieri del cinema” torneranno ad essere protagonisti con l’incontro con la costumista Teresa D’Arienzo. Diplomata in Scenografia presso l’Accademia di Belle Arti di Firenze, quindi al corso triennale di Costume presso il Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma sotto la docenza del maestro Piero Tosi, D’Arienzo ha iniziato l’esperienza lavorativa collaborando come assistente costumista a diverse produzioni cinematografiche e teatrali firmate da registi del calibro di Franco Zeffirelli, fino ad arrivare a produzioni internazionali di film e serie Tv tra cui le più recenti “Ripley” di Steven Zaillian e “Those About to Die” di Roland Emmerich di prossima uscita. Dedicato interamente ai cortometraggi in concorso sarà la sera di venerdì 24 maggio, con inizio alle ore 20:45 sempre ad ingresso libero, con la proiezione e la premiazione dei cortometraggi vincitori del Premio Miglior Colonna Sonora assegnato dai musicisti dell’Orchestra Multietnica di Arezzo e del Premio Libertà di Gusto e la proiezione e seguente premiazione dei corti finalisti del Premio Giuria Popolare. Nell’occasione sarà il pubblico in sala a decretare il vincitore, alla presenza dei registi dei tre cortometraggi finalisti. Sabato 25 maggio, alle ore 17:30, la psicologa e psicoterapeuta Simona Cardinaletti presenterà al festival il suo volume dal titolo “Il sesso debole. Debolezza femminile e violenza contro le donne” (Gruppo Albatros Il Filo). Prenderà parte all’incontro l’Associazione Pronto Donna – Centro anti violenza raccontando la rivoluzione copernicana presentata dalla Cardinaletti nel parlare di violenza sulle donne tra “regole” note e gabbie interiorizzate, risultato di millenni di storia, in cui la differenza tra chi aiuta e chi viene aiutato, a volte, risiede solo nell’aver avuto la fortuna di non aver incontrato uomini violenti. Da tenere presente che la violenza contro le donne è fino ad oggi una delle aree principali del lavoro di Simona Cardinaletti che, oltre alla Responsabilità della Casa Rifugio Zefiro per donne vittime di violenza con o senza figli minori, opera con le donne del territorio di Ancona che pur vivendo una situazione di violenza non necessitano l’allontanamento dalla casa dove vivono con il maltrattante. Alle ore 20:45 il nuovo appuntamento serale vedrà la proiezione e premiazione dei corti vincitori del Premio Relazioni – Unicoop Firenze Sezione Soci Arezzo e del Premio Miglior Regia oltre alla proiezione del docu-film “Flora” alla presenza della regista Martina De Polo e della più giovane staffetta partigiana della Resistenza Italiana, Flora Monti, in collegamento video. Martina De Polo, laureata in Cinema Televisione e Produzione Multimediale con una preziosa esperienza presso la Cineteca di Bologna, porterà al festival la sua passione per il documentario d’inchiesta e per la storia della Resistenza narrata, in “Flora”, attraverso la voce autentica di una ragazza divenuta staffetta partigiana a soli dodici anni. Ulteriori informazioni: www.officinesocialmovie.com. Officine Social Movie è un progetto di Orchestra Multietnica di Arezzo e Officine della Cultura realizzato in collaborazione con Liceo Artistico Coreutico Scientifico Quadriennale “Piero della Francesca” annesso al Convitto Nazionale “Vittorio Emanuele II” di Arezzo, Poti Pictures, Unicoop Firenze Sezione Soci Arezzo, Autismo Arezzo. Con il contributo di Fondazione CR Firenze e Comune di Arezzo. Media partner Teletruria. Per la fornitura dei libri per le presentazioni si ringrazia La Feltrinelli Point di Arezzo. I premi di Officine Social Movie sono realizzati da dB production con materiale ecologico e riciclabile.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Donne e resistenza nei colori del fine settimana di Officine social movie

ArezzoNotizie è in caricamento