Culture contro la paura: il concerto online dell'Orchestra Multietnica

  • Dove
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 02/04/2020 al 05/04/2020
    Orario non disponibile
  • Prezzo
    Gratis
  • Altre Informazioni
    Sito web
    officinedellacultura.org

Chiudere i nostri teatri e i nostri cinema è stato un obbligo civile e morale. Restare a casa, ora, è un dovere etico e sociale. Restare insieme è una necessità del nostro essere umani. Restiamo insieme per quattro settimane. Restiamo insieme virtualmente, senza abbracci, senza strette di mano. Restiamo insieme nel tempo in cui #iorestoacasa. Da giovedì 12 marzo a domenica 5 aprile al via la Stagione #iorestoacasa presso lo Spazio Teatro Social di Officine della Cultura. Vogliamo restare insieme a voi anche se restiamo in casa. Seguite i canali social di Officine della Cultura: la stagione online sarà del tutto gratuita 24 ore su 24.

Il link allo spettacolo QUI

“Culture contro la paura” e l’ambizioso progetto artistico dell’Orchestra Multietnica di Arezzo diretta da Enrico Fink  porterà sul palcoscenico, grazie alla collaborazione con Murmuris, un sestetto di ospiti straordinario, artisti di un contemporaneo necessario oggi più che mai di narrazione: i cantautori Erriquez, Dente, Paolo Benvegnù, Stefano Cisco Bellotti, Alessandro Fiori e l’attrice Amanda Sandrelli.

La paura, con le sue tante derive psicologiche e sociali, ha dunque da oggi due nuovi contrari. Accantonato il “coraggio” proposto dal dizionario, ci pensa l’Orchestra Multietnica di Arezzo a proporre “culture”, rigorosamente al plurale, e “normalità” quali antidoti alla paura: la normalità possibile fatta dal racconto d’incontri, confronti e tanta musica del suo modello associativo; la normalità imprescindibile di un quotidiano fondato sullo studio delle tradizioni, sull’ascolto e sul rispetto e la valorizzazione delle diversità culturali, dell’altro da noi, rinunciando alla lettura per stereotipi.

La normalità entusiasta di un percorso che in oltre dieci anni ha attraversato l’Italia e attratto nel suo cammino alcuni nomi noti al grande pubblico che hanno trovato nell’ensemble aretino una comunione di sensibilità sociale, poetica e musicale: Cisco, Raiz e Giuseppe De Trizio (Radicanto), Moni Ovadia, Erriquez e Finaz (Bandabardò), Shel Shapiro e Daniele Ivaldi, Frank London (The Klezmatics), Dario Brunori, Simona Marrazzo e Lucia Sagretti, Paolo Benvegnù, Ginevra Di Marco, Francesco Magnelli, Andrea Salvadori, Dente, Alessandro Fiori e ancora Amanda Sandrelli, Isabella Ragonese, Ottavia Piccolo e Stefano Massini. È da quest’esperienza, con la sua ricchezza emotiva ed empatica, e la sua irripetibile estroversione musicale, che nasce il cd “Culture contro la paura” che unisce alla storico viaggio sulle tradizioni musicali dell’OMA, grazie ai suoi oltre 30 musicisti provenienti da 12 paesi diversi, l’architettura melodica della canzone contemporanea, da “È la pioggia che va” (Shel Shapiro) a “L’uomo nero” (Dario Brunori), con le voci simbolo dell’Italia cantautorale, molte delle quali presenti al Florida in occasione della presentazione ufficiale del disco. Oltre all’attrice Amanda Sandrelli testimonianza dell’impegno che l’OMA ha riversato anche nel teatro, alimentando la sua esperienza musicale grazie alla suggestiva lettura sociale proposta dal drammaturgo Stefano Massini.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

I più visti

  • Riapre la mostra "La regola di Piero" di Mimmo Paladino: è visitabile tutti i giorni (gratis)

    • da domani
    • Gratis
    • dal 1 al 30 giugno 2020
    • Varie sedi
  • Un tour alla scoperta di Piero della Francesca: visita virtuale al museo civico

    • Gratis
    • dal 10 maggio al 30 giugno 2020
    • Museo Civico Sansepolcro
  • CoronArte, gli artisti si raccontano ad Andrea Speziali in una mostra digitale

    • Gratis
    • dal 25 marzo al 5 giugno 2020
    • Salotto Liberty
  • Libri e letture: la collezione della biblioteca digitale del Valdarno di Sopra

    • Gratis
    • dal 18 aprile 2020 al 1 gennaio 2021
    • Biblioteca Digitale Valdarnese
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    ArezzoNotizie è in caricamento