Arezzo Youth Music Festival: quando la musica classica non è “noiosa”

  • Dove
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 24/10/2020 al 13/11/2020
    Orario non disponibile
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

Alcuni tra i più giovani e talentuosi protagonisti della scena concertistica internazionale saranno ad Arezzo dove, dal 24 ottobre al 13 novembre, si svolge la prima edizione dell’Arezzo Youth Music Festival, un progetto innovativo che nasce nella volontà di attrarre i ragazzi alla bellezza del repertorio classico. La direzione artistica della rassegna è affidata al violinista Giovanni Andrea Zanon, classe 1998 e curriculum impressionante; un “testimonial” ideale capace di raccontare ai suoi coetanei che la musica classica è “cool”. Zanon ha infatti invitato ad Arezzo straordinari musicisti “under30” a dar vita ad un intenso programma concertistico che sarà accompagnato da una serie di incontri pensati per coinvolgere i suoi coetanei.

“Spesso la musica classica viene catalogata dai ragazzi come “noiosa” – dichiara il direttore artistico Giovanni Andrea Zanon - ma è mia convinzione che questo distacco sia dovuto ad un errato coinvolgimento; non è sufficiente un semplice invito ai concerti, è necessario far sentire i giovani coinvolti. Per questo motivo, prima di ogni concerto, tutti i musicisti invitati all’Arezzo Youth Music Festival parteciperanno con i propri strumenti ad incontri organizzati con le scuole discutendo con i ragazzi. La giovane età dei musicisti faciliterà il dialogo. Inoltre l’idea di organizzare un festival musicale per i giovani musicisti proprio nella città dove la scrittura musicale nacque per essere insegnata ai ragazzi è assolutamente affascinante”.

“Questo che presentiamo – dichiara Alessandro Ghinelli, sindaco di Arezzo e presidente della Fondazione Guido d’Arezzo – è un progetto internazionale, non solo per l'importanza degli artisti che vi parteciperanno, che provengono da varie parti del mondo e che vantano curricula di assoluto prestigio, ma anche per la stessa esportabilità dell’idea. Chi ne usufruisce sono i ragazzi di Arezzo ai quali è interamente dedicato, che potranno partecipare con entusiasmo ad un'esperienza unica. Già in occasione dell'Arezzo Youth Festival Contest, tenutosi in anteprima lo scorso maggio, i giovani della nostra città hanno dimostrato una spiccata sensibilità artistica, legata all’ascolto della musica; mi aspetto pertanto che non rimarranno indifferenti a questa idea e, soprattutto, sono certo che non ne rimarranno delusi”.

Quattro i concerti che saranno proposti al Teatro Petrarca: fil rouge del festival, Ludwig van Beethoven le cui partiture saranno presenti nei programmi eseguiti nelle varie serate, nella volontà di rendere omaggio al genio tedesco nell’anniversario della nascita. Inoltre saranno eseguiti alcuni dei più grandi capolavori della letteratura musicale.

Si comincia il 24 ottobre con il duo Giovanni Andrea Zanon (violino) e Federico Colli (pianoforte), che proporranno un programma che prevede la Sonatina per violino e pianoforte N°1, Op. 137 di Franz Schubert, la Sonata per violino e pianoforte “La Primavera” N°5, Op. 24 di Ludwig van Beethoven e Sonata per violino e pianoforte N°3, Op. 108 di Johannes Brahms.

Il 31 ottobre invece, sarà la volta di un trio con Giovanni Andrea Zanon (violino), Pablo Ferrández (violoncello) e Filippo Gorini (pianoforte) che eseguiranno il Trio “degli spettri” N°5, Op. 70 di Ludwig van Beethoven e il Trio N°1, Op. 8 di Johannes Brahms.

Il 7 novembre Giovanni Andrea Zanon (violino), Sara Ferrández (viola), Erica Piccotti (violoncello), Uxía Martínez Botana (contrabbasso) e Daniel Ciobanu (pianoforte), con la partecipazione straordinaria del baritono Mario Cassi, propongono un programma dedicato a Franz Schubert che prevede il Trio per archi N°1, D. 471, alcuni Lieder e il Quintetto “La Trota” Op. 114, D. 667.

Il 13 novembre invece sarà l’Orchestra giovanile di Arezzo diretta da Roberto Pasquini con solista Giovanni Andrea Zanon (violino) a chiudere l’Arezzo Youth Music Festival, con un programma che, oltre all’overture “Coriolano” Op. 62 e il concerto per violino e orchestra Op. 61 di Ludwig van Beethoven, propone brani originali composti per la rassegna.

Il festival ideato dal Sindaco Alessandro Ghinelli con Marjorie Layden, Presidente della World Ethic and Leadership Foundation (WEL Foundation) e con lo stesso Giovanni Zanon, avrebbe dovuto svolgersi nei mesi di marzo e aprile. L’emergenza Covid 19 però ha “stravolto” i piani e costretto a nuove soluzioni: si è così realizzato l'Arezzo Youth Contest, progetto al quale hanno aderito millecento studenti, che ha permesso di offrire ai giovani, costretti al distanziamento, l’opportunità di liberare fantasia e creatività attraverso l'ascolto della musica classica. Grazie alla selezione loro proposta di brani musicali, appositamente scelti e commentati dallo stesso Giovanni Zanon gli studenti, divisi in 3 categorie per fascia di età, sono stati invitati a descrivere le emozioni e sensazioni suscitate in loro dalla musica in tre forme diverse di espressione: la composizione scritta, il disegno, il cortometraggio.

E così Arezzo Youth Music Festival e Arezzo Youth Contest collaboreranno alla creazione di una nuova cultura dell’ascolto della musica classica.

L’Arezzo Youth Music Festival è realizzato dalla Fondazione Guido d’Arezzo, dal Comune di Arezzo in collaborazione con Marjorie Layden, Presidente della World Ethic and Leadership Foundation (WEL Foundation).

Biglietti e abbonamenti Biglietto intero: 10 euro - Abbonamento intero (4 concerti): 30 euro. Biglietto ridotto under 25: 2 euro - Abbonamento ridotto under 25 (4 concerti): 6 euro. Biglietto patron (ovvero appassionati che vogliono sostenere il festival): 30 euro - Abbonamento patron: 90 euro. Prevendita: Circuito BoxofficeToscana/Ticketone. Prevendita online: Ticketone

Nel giorno dello spettacolo dalle ore 10 alle ore 13 e dalle ore 17 alle ore 21, sarà aperta la biglietteria del Teatro Petrarca (Via Guido Monaco, 12 – Arezzo). Info tel. 0575 1739608 – info@fondazioneguidodarezzo.com

Giovanni Andrea Zanon, classe 1998, inizia lo studio del violino all’età di 2 anni. Nel corso della sua attività musicale vince oltre 30 concorsi nazionali ed internazionali (tra i quali il “Riviera Etrusca” all’età di 4 anni, il “Premio Nazionale delle Arti” come miglior violinista dei conservatori italiani, il concorso di Novosibirsk in Russia dove ottiene anche tutti i premi speciali ed il diploma di laurea al “Wieniawski and Lipinski violin competition” di Lublino). Effettua concerti in qualità di solista in Italia, Svizzera, Germania, Polonia, Russia, Austria, Repubblica Ceca, Canada e Stati Uniti esibendosi in alcune delle sale più prestigiose al mondo tra le quali la Carnegie Hall ed il Lincoln Center di New York, il Musikverein di Graz, il Teatro alla Scala di Milano, il Teatro alla Fenice di Venezia, la Smetana Hall di Praga, la Bayerische Staatsoper di Monaco, il Festspielhaus di Baden-Baden, la Royal Opera House di Muscat, il Teatro Politeama di Palermo e l’Arena di Verona. Riceve numerose menzioni e riconoscimenti fra i quali, a sei anni, quello del Presidente della Repubblica Italiana Ciampi e quelli dalla Reale Escuela Superior de Musica Reina Sofia di Spagna, dall’Ambasciata Generale degli Stati Uniti in Canada, il “Leone d’Oro” dalla Regione Veneto per i “meriti artistici conseguiti all’estero” nonché la nomina di “Alfiere della Repubblica” dal Presidente Sergio Mattarella. Ammesso al conservatorio “C. Pollini” di Padova nel 2002, all’età di quattro anni, risulterà essere il più giovane ammesso nella storia delle istituzioni musicali statali italiane. Successivamente si diploma al Conservatorio Benedetto Marcello di Venezia con lode e menzione onorevole. Su consiglio di Zubin Mehta si trasferisce negli Stati Uniti per studiare con Pinchas Zukerman presso la Manhattan School di New York dove risulta vincitore della selezione per il “Master of Art” di violino all’età di 16 anni. Successivamente si perfeziona alla “Hochschule für Musik Hanns Eisler” di Berlino con Antje Weithaas. Lo scorso settembre si è diplomato ai corsi dell’“Accademia Nazionale di Santa Cecilia” di Roma con il massimo dei voti e la lode.

Attualmente suona il meraviglioso violino A. Stradivari 1706 ex “Corbett” per gentile concessione dell’associazione “Adopt a Musician”. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

  • Arezzo Youth Music Festival: quando la musica classica non è “noiosa”

    • dal 24 ottobre al 13 novembre 2020
  • Le sonate di Beethoven, Debussy e Schumann eseguite da Gabriele Geminiani e Giovanni Valentini

    • dal 6 dicembre al 6 novembre 2020
    • Pieve San Giovanni Battista
  • Festival di Musica Classica: l'ensemble Mark Rothko in concerto

    • 1 novembre 2020
    • Pieve San Giovanni Battista

I più visti

  • Banksy incontra Piero con la mostra “Affreschi Urbani” a Sansepolcro

    • dal 19 giugno 2020 al 10 gennaio 2021
    • Museo Civico Sansepolcro
  • “Notizie di Storia”, periodico semestrale della Società aretina

    • dal 5 giugno al 31 dicembre 2020
  • Libri e letture: la collezione della biblioteca digitale del Valdarno di Sopra

    • Gratis
    • dal 18 aprile 2020 al 1 gennaio 2021
    • Biblioteca Digitale Valdarnese
  • Colori di rinascita. Elia Fiumicelli espone a Stia

    • dal 25 luglio al 1 novembre 2020
    • Ristorante Falterona
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    ArezzoNotizie è in caricamento