Cinquant'anni dalla "Luna", evento al Planetario del parco nazionale delle Foreste casentinesi

Nella notte tra il 20 e il 21 luglio 1969 l’umanità intera concretizzò il sogno millenario di raggiungere la Luna, eterna compagna del nostro splendido pianeta. Un'aspirazione realizzata in pochissimo tempo se si pensa che il primo volo di un marchingegno meccanico chiamato aeroplano era avvenuto soltanto 66 anni prima,  nella spiaggia di Kitty Hawk, Stati Uniti, ad opera dei fratelli Wright.
In questi pochi anni si è passati dagli aerei a propulsione umana (a pedali) ai jet, nella pazza logica che vede in tempo di guerra una accelerazione nei più disparati settori tecnologici. E in sessantasei anni, di guerre, “mondiali”, ne abbiamo avute ben due.
Sulla luna, sino a quel giorno, l’umanità vi era giunta solo e soltanto con la fervida immaginazione di alcune persone illuminate: da Ludovico Ariosto - secondo il quale il nostro satellite era il posto in cui finivano tutte le cose gettate via sulla terra, compreso il senno perduto da Orlando, "furioso" perché tradito da Angelica - a Giulio Verne. 

Fino a circa la metà dell’Ottocento la luna fu usata soprattutto come espediente per parlare "d’altro": come posto più lontano di tutti. Con l’avvicinarsi del Novecento, nei circa cento anni precedenti all'allunaggio, le storie iniziarono a farsi pian piano sempre più scientificamente plausibili e riguardarono nuove forme di racconto, come quello cinematografico.
Il Planetario del parco nazionale delle Foreste Casentinesi intende celebrare i 50 anni della missione Apollo 11. Attraverso una serie di conferenze dedicate sarà ripercorsa la corsa allo spazio e alla conquista della Luna: dalle origini del volo al primo satellite artificiale, lo Sputnik (sabato 22 giugno); dai primi progetti spaziali sovietici e americani con equipaggio umano (domenica 7 luglio) al programma Apollo, con il grande balzo verso la Luna (sabato 13 luglio) per giungere, infine, alla Notte della luna (sabato 20 luglio).
Una appendice, riguardante i risultati scientifici nella conoscenza del nostro satellite naturale ottenuti grazie alle missioni Apollo, avrà luogo sabato 5 ottobre.

Gli incontri, con inizio alle 21, saranno accompagnati da filmati d’epoca, musiche, curiosità e altre sorprese. 
Al termine della conferenza ci saranno una visita guidata alla struttura e l'osservazione del cielo con esperti astrofili, sia ad occhio nudo che con i telescopi messi a disposizione dal Planetario del Parco.
Il costo per la partecipazione all'evento è di cinque euro, gratuito per i bambini sotto i 7 anni. Per informazioni e prenotazioni si può contattare la cooperativa Oros (0575.557247, 335.6244537, info@orostoscana.it) oppure l’ufficio promozione del Parco nazionale (0575.503029, promozione@parcoforestecasentinesi.it).

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • Dima raacconta: terzo appuntamento con Patrizia Cavalli

    • solo oggi
    • 11 aprile 2021
  • “On air”: nuovo ciclo di incontri su Radio Fly

    • dal 25 marzo al 22 aprile 2021
  • Danza contemporanea d’autore: Zoé Bernabéu e Lorenzo Covello

    • solo oggi
    • 11 aprile 2021
    • Evento online

I più visti

  • "Evanescenze", In mostra a Galleria Ambigua le opere del pittore giapponese Tetsuji Endo

    • dal 4 settembre 2020 al 1 giugno 2021
    • Galleria Ambigua
  • Mostra su Fellini al Museo dei Mezzi di Comunicazione

    • dal 24 ottobre 2020 al 30 giugno 2021
    • Mumec - Museo dei Mezzi di Comunicazione
  • Dima raacconta: terzo appuntamento con Patrizia Cavalli

    • solo oggi
    • 11 aprile 2021
  • “On air”: nuovo ciclo di incontri su Radio Fly

    • dal 25 marzo al 22 aprile 2021
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    ArezzoNotizie è in caricamento