La Uaneman band di Fabio Pagano sul palco di PoeticAurora

  • Dove
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 08/10/2020
    Ore 21:30
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

Un percorso alle pendici del Vesuvio tra canzoni più e meno note e versi sconci di poeti semisconosciuti (Ferdinando Russo, Raffaele Petra, ecc...). Il tutto condensato in una gustosa combinazione di recitazione e musicalità, dove la parola incompresa del dialetto trova una sua forza proprio nell' ascolto piacevole del suono che essa emana. Fonte ricca di fruizione immaginativa. Un tentativo di porre sulla bilancia un aspetto divertente e sconcio, lascivo e un aspetto contrappuntistico drammatico, romantico; lo spettatore avrà modo durante tutto lo spettacolo di sorridere al contenuto zozzo delle poesie e subitaneamente  scivolare nella plateale vena drammatica, sviscerata dalla canzone classica napoletana. A scandire il lavoro è una sequenza di 7 capitoli "Capitali", i quali mettono alla luce temi e argomenti di attualità e non. Uno fra tutti il tema dell'Amore. "Volgare ma non troppo" nasce da una forte esigenza di ritrovare, tramite l'uso della PAROLA, sia cantata che decantata, un contatto intimo con le radici della propria terra d'origine. Un terra ormai da anni fisicamemte lontana ma vicina nel pensiero e nell'animo.

Fabio Pagano
Nato a Napoli il 26 ottobre del 1981, dopo essersi diplomato all'istituto tecnico come geometra si iscrive alla facoltà di lettere e Filosofia all'università di Pisa al corso di Laurea CMT (Cinema, Musica e Teatro), conseguendo il diploma nel 2006. Durante gli studi del primo anno inizia a frequentare il teatro e la danza partecipando sia alla visione di spettacoli che a laboratori con i diversi maestri della scena italiana, tra cui la Compagnia Abbondanza-Bertoni e i Motus e Raffaella Giordano (Sosta Palmizi). Proprio quest'ultima lo porta a far parte di una nuova sua creazione dal titolo “Cuocere il mondo” che viene portato in turnè tra Francia e Italia. Subito dopo questa esperienza fa parte per la durata di un anno del Workcenter of Jerzy Grotoski and Thomas Richards.
In seguito parteciperà come interprete a molte creazioni. Intreprete per quattro anni della compagnia ALDES del coreogrago Roberto Castello con “Carne Trita”, “Scene da un matrimonio”, “Movimenti Urbani”, la trasmissione televisiva su Rai Tre “Vieni Via Con Me”.
Altri lavori con il Regista/Attore Valentino Infuso con “Sushidio”, con la coreografa Chiara Frigo con “Nonsostare”, con la coreografa Ambra Senatore in “Passo”, il Teatro Valdoca in “Cage's Parade”, interprete con il coreografo Giorgio Rossi (Sosta Palmizi) in “Sulla Felicità”.
Ultima partecipazione come interprete e co-autore e co-regista, il suo spettacolo "Amateurs", produzione del metastasio.
Per dare animo alla sua passione per il cinema partecipa negli anni anche a una serie di  film, tra cui “Fuori Gioco”,e “La Passeggiata” entrambi di Federico Monzani e un Cortometraggio “La Favola Bella” del Regista Leonardo Ferrari Carissimi. Infine interpreta un monaco indiavolato nell'ultimo film "SIBERIA" di Abel ferrara, che dialoga con l'attore WILLEM DAFOE.

Ingresso libero con tessera Arci

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Musica, prosa e laboratori. La rassegna di Diesis Teatrango e Teatro Comunale di Bucine

    • dal 17 gennaio al 6 marzo 2021
  • Nuove esigenze teatrali giornata della memoria 2021

    • solo domani
    • 27 gennaio 2021
  • On, Off e il mistero della torta scomparsa

    • 31 gennaio 2021
    • Piattaforma Zoom

I più visti

  • "Evanescenze", In mostra a Galleria Ambigua le opere del pittore giapponese Tetsuji Endo

    • dal 4 settembre 2020 al 1 giugno 2021
    • Galleria Ambigua
  • "Incognito", nuova mostra ad Arezzo

    • dal 9 al 31 gennaio 2021
    • Galleria Ambigua
  • Mostra su Fellini al Museo dei Mezzi di Comunicazione

    • dal 24 ottobre 2020 al 30 giugno 2021
    • Mumec - Museo dei Mezzi di Comunicazione
  • Rosai - Capolavori tra le due guerre. La mostra

    • dal 29 ottobre 2020 al 31 gennaio 2021
    • Palazzo del Podestà
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    ArezzoNotizie è in caricamento