menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un campo di aglioni in Valdichiana

Un campo di aglioni in Valdichiana

Il Vero Aglione della Valdichiana è finanziato con 313 mila euro dalla Regione

La Regione Toscana approva la nuova graduatoria dei progetti, tra questi sarà finanziato anche "Vero Aglione della Valdichiana (VAV)"

Il progetto " Vero Aglione della Valdichiana (VAV)", presentato  nella primavera 2018 alla Regione Toscana, è tra quelli finanziati.

Capofila del progetto è la società Qualità e Sviluppo Rurale, di Montepulciano e guidata da Franco Fierli; tra i partner vi sono l'Università degli Studi di Siena-Dipartimento di Scienze della Vita, l'ANCI Toscana, la CIA Toscana, la società Agricoltura è vita - Etruria e 4 produttori dell'associazione per la Tutela e la Valorizzazione dell'Aglione della Valdichiana.

Il progetto è nato da un'idea del professore Stefano Biagiotti (Università Telematica Pegaso) e del collega Stefano Loppi (Università degli Studi di Siena) che prevede la caratterizzazione geografica dell'Aglione della Valdichiana con la tecnica del fingerprinting, per dare la certezza della provenienza evitando frodi e valorizzando un prodotto tipico la cui riscoperta ha creato intorno a sé molto interesse. Verrà valutata la biodiversità, considerando  le tecniche colturali a basso impatto ambientale di questo prodotto tipico e verrà creato un sistema informatico, messo a disposizione dell'aziende, capace di fornire al consumatore finale le informazioni sul prodotto con un semplice QR-code.

Il progetto è stato anche presentato al forum della Pubblica Amministrazione, a Roma, guadagnando il premio come migliore progetto nell'ambito dell'"Alimentazione, salute e welfare" su 100 progetti per raggiungere gli obiettivi dell'agenda 2030.

Le risorse messe a disposizione della Regione Toscana sono di €. 313.611,50.

"E' un grande risultato per completare gli studi sull'Aglione della Valdichiana fornendogli una carta d'identità," dice Stefano Biagiotti responsabile scientifico del progetto "che si aggiunge alla caratterizzazione morfologica in atto e a quella nutrizionale e nutraceutica, che verrà presentata a Civitella in Val di Chiana il 19 ottobre. Il modello che abbiamo pensato potrà essere replicato su qualsiasi prodotto, ed è proprio questa l'innovazione. Non escludo che il progetto possa essere presentato anche al MiPAAF, anche con l'aiuto e il sostegno della Regione Toscana che ha creduto nella validità dell'idea, per essere applicato a livello nazionale. Riteniamo di aver messo un altro tassello per combattere la contraffazione, dare garanzia ai produttori seri e ai consumatori, che sono disposti a pagare di più un prodotto tipico di provenienza certa e ad alto valore come il nostro aglione."

Il progetto, per il suo trasferimento d'innovazione, è stato ritenuto applicativo dell'Agricoltura 4.0: smart e digital. Un altro esempio della capacità progettuale dell'area vasta Valdichiana, verso uno sviluppo locale sostenibile e di qualità.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Toscana zona gialla da quando? Gli scenari

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento