menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
banca-etruria (23)

banca-etruria (23)

Vendita good banks: riaperti i dossier. Verso la cessione dei singoli istituti

Alla fine potrebbe prevalere l'opzione "spezzatino" nella vicenda della vendita delle nuove banche nate dalla messa in risoluzione di Banca Marche, Banca Etruria, Carife e Carichiesti. Così si sarebbe riaperto il dossier sulle good banks e...


Alla fine potrebbe prevalere l'opzione "spezzatino" nella vicenda della vendita delle nuove banche nate dalla messa in risoluzione di Banca Marche, Banca Etruria, Carife e Carichiesti. Così si sarebbe riaperto il dossier sulle good banks e sarebbero tornati alla carica soggetti interessati che nei mesi passati avevano presentato delle proposte di acquisto non vincolanti.





A sostenerlo è Il Sole 24 Ore che, nelle sue colonne, racconta come in questi giorni ad "essere contattate dall'Autorità di risoluzione, assieme ai cda delle banche guidati da Roberto Nicastro e dagli advisor (lo studio Chiomenti per gli aspetti legali, Société Générale per quelli finanziari e Oliver Wyman per quelli strategici) sarebbero state le italiane Ubi, Bper e Popolare Bari. Così come è realistico che i canali siano aperti anche con le due banche francesi attive in Italia, ovvero Cariparma e Bnl-Crédit Agricole". Secondo le informazioni riportate dal quotidiano di economia, Ubi potrebbe essere interessata a Carife, Bper starebbe esaminando i conti di Banca Marche e Banca Etruria e la Banca Popolare di Bari avrebbe individuato Carichieti.


Il data room virtuale di questi istituti sarebbe stato riaperto in modo tale da favorire l'accesso alle informazioni necessarie per valutare se (e quanto) avanzare delle offerte economiche.
I tempi però sono sempre più streti visto che, come espresso dall'Unione europea, entro settembre dovranno essere avviate le procedure di cessione delle quattro good bank altrimenti scatterebbero le procedure di sanzione sugli aiuti di Stato.


"Certo è - si legge ancora sul Sole 24 Ore - che per i quattro istituti nati dal salvataggio del novembre scorso di Cassa di Risparmio di Ferrara, Banca Etruria, Banca Marche e la Cassa di Risparmio di Chieti si va profilando non più una cessione in blocco, ma per singola entità. Anche perché, in seno all'Autorità di risoluzione di Banca d'Italia, c'è la consapevolezza che la somma del valore delle singole cessioni possa essere superiore all'ammontare offerto fino ad oggi per l'intero blocco".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Coronavirus, altri 76 contagi nell'Aretino e 29 persone guarite

social

'Che sarà', il brano ispirato a Cortona che arrivò secondo a Sanremo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Gossip Style

    Le borse più belle del 2021

  • Cucina

    La ricetta dei waffles

  • Psicodialogando

    I 4 motivi che spingono una donna verso l'uomo di potere

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento