Venerdì, 30 Luglio 2021
Economia

Undici nuovi saldatori "patentati". Terminato il corso, si aprono le porte del mondo del lavoro

Oggi si è svolto l’evento di chiusura del corso per saldatori che si è svolto presso il Laboratorio di saldatura dell’Istituto Guido Marcelli di Foiano. 11 giovani disoccupati hanno ottenuto, dopo un corso di 128 ore, un Patentino di Saldatura...

saldatura2

Oggi si è svolto l'evento di chiusura del corso per saldatori che si è svolto presso il Laboratorio di saldatura dell'Istituto Guido Marcelli di Foiano. 11 giovani disoccupati hanno ottenuto, dopo un corso di 128 ore, un Patentino di Saldatura spendibile nelle aziende metalmeccaniche del territorio; una carta importante da giocarsi per entrare, o rientrare, nel mondo del lavoro.

Il percorso formativo di alta specializzazione è stato progettato da Assoservizi - Confindustria Toscana Sud e Umana con Umana Forma, nell'ambito del progetto nazionale Federmeccanica - Umana.

A costruire il percorso formativo è stata Airone, Centro d'Eccellenza dell'Istituto Italiano della Saldatura, che ha formato queste persone proprio in riferimento ai fabbisogni di competenze delle aziende del territorio, che chiedevano figure professionali per processi di saldatura a filo continuo (MAG) e Tungsten Inert Gas welding (TIG).

Alla manifestazione finale hanno presenziato la Preside dell'Istituto Marcelli Prof.ssa Anna Bernardini che ha ospitato il corso, il Vice Presidente della Sezione Meccanica di Confindustria Toscana Sud Daniele Gualdani titolare dell'azienda LEM galvanica e il Direttore di Airone Ing. Dennis Duranti.

"Le aziende del territorio hanno evidenziato il fabbisogno di figure specializzate anche in questo ambito- afferma Daniele Gualdani- figure che non si trovano nel mercato del lavoro. I corsi di questo tipo chiudono il gap che c'è tra la formazione scolastica e le esigenze di personale delle aziende. Il mondo del lavoro è sempre più competitivo e altamente professionale, quindi anche le risorse umane devono essere sempre più specializzate"

"La nostra Scuola - dichiara la Preside Anna Bernardini- da tempo ha scelto di muoversi nel territorio creando alleanze con associazioni di categoria e agenzie formative al fine di ampliare l'offerta formativa anche a disoccupati che intendono formarsi per acquisire competenze aggiuntive sulla saldatura ma anche sulle nuove tecnologie e la robotica. Per la Scuola è necessario saper leggere i bisogni formativi del mondo del lavoro per riuscire a dare opportunità ai giovani". "A garantire la professionalità e la competenza è Airone- Centro di eccellenza dell'Istituto Italiano della Saldatura, che eroga una formazione certificata a livello nazionale ed internazionale, secondo i parametri UE- afferma l'Ing. Dennis Duranti, Direttore di Airone, società che si è occupata della docenza e del rilascio dei Patentini per la saldatura- I nostri docenti sono esperti certificatori delle competenze dei lavoratori delle aziende del territorio, pertanto conoscono le tipologie di saldature utilizzate dalle aziende, conoscenze che trasferiscono ai giovani corsisti". "Il dialogo fra impresa e il sistema formativo - spiega Umana - è oggi un elemento imprescindibile, l'unico capace di ridurre quel mismatch fra domanda e offerta di competenze che determina profondi squilibri nel mercato del lavoro. La conoscenza dei linguaggi dell'azienda, delle diverse sensibilità, delle necessità che esprimono è per Umana l'obiettivo del proprio lavoro. E grazie ad Umana Forma, la società di formazione del Gruppo, Umana è in grado di costruire i percorsi più efficaci per rispondere concretamente a queste esigenze. Questa esperienza, che guardiamo con molta soddisfazione, è dunque un esempio positivo di un dialogo virtuoso che produce effetti positivi per tutti. I nostri auguri vanno a questi 11 nuovi saldatori, che potranno da oggi spendere una competenza qualificata e certificata per costruire il loro futuro".
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Undici nuovi saldatori "patentati". Terminato il corso, si aprono le porte del mondo del lavoro

ArezzoNotizie è in caricamento