Tutela Valdichiana: "Bene il verdetto su Powercrop, ma non dimentichiamo il passato, abbiamo avuto coraggio"

A pochi giorni dalla sentenza del Consiglio di Stato che di fatto ha chiuso la vicenda relativa alla costruzione di una centrale a biomasse da parte della Powercrop a Castiglion Fiorentino, il Comitato Tutela Valdichiana esprime soddisfazione, ma...

Castiglion Fiorentino-5

A pochi giorni dalla sentenza del Consiglio di Stato che di fatto ha chiuso la vicenda relativa alla costruzione di una centrale a biomasse da parte della Powercrop a Castiglion Fiorentino, il Comitato Tutela Valdichiana esprime soddisfazione, ma non dimentica il passato e le prime posizioni prese dalle istituzioni.

A neppure una settimana dalla pubblicizzazione del verdetto del Consiglio di Stato che rigetta il ricorso di PowerCrop contro il parere , altrettanto negativo , del TAR Toscana per la mancata autorizzazione alla mega centrale a Cà Bittoni di Castiglion Fiorentino, abbiamo assistito ad una lunga serie di riconoscimenti di paternità per la vittoria “ del Territorio” su una multinazionale.

Siamo altrettanto soddisfatti ma crediamo che debbano essere fatte delle precisazioni, non proprio irrilevanti , per il raggiungimento di questo risultato.

Ed è sufficiente fare qualche passo indietro negli anni, durante i quali tutti, a cominciare dalle istituzioni pubbliche, associazioni professionali e sindacati, anche se non tutti e con la sola eccezione dei cittadini, sembravano innamorati persi di questo progetto per la produzione di energia rinnovabile, verde e sostenibile. Erano ancora lontani i giorni in cui si sarebbe usciti da questa ubriacatura collettiva, quando l’allora Comitato Tutela Valdichiana ( 2006/07) si mobilitava per consultare i migliori tecnici e scienziati , portarli in Valdichiana a spiegare quali sarebbero state le conseguenze di quel progetto sulla salute e per l’ambiente.

Non si dimenticano facilmente le tante manifestazioni, l’impegno extra lavoro, gli sforzi economici e psicologici per cercare di smontare quella che sapevamo essere , sin dall’inizio, un’illusione collettiva senza ricadute positive per la vallata.

Hanno fatto di tutto per scatenare una guerra tra varie fazioni: ambientalisti contro lavoratori, associazioni d’impresa contro agricoltura di qualità, conservatori contro progressisti, malati di Nimby contro salvatori della patria. Persino la politica si è variamente schierata, non per convinzione ma per opportunismo.

E’ trascorsa una decina di anni e, piano piano, questa massa di cittadini ha cominciato a provocare delle crepe nelle granitiche certezze di molti; è stato necessario persino scendere nell’agone politico, non senza conseguenze per la tenuta del Comitato . Da qui in poi sono nati altri Comitati; il Comitato Tutela Valdichiana è divenuto Associazione ma il comune amore per il nostro territorio ci ha visti coesi e solidali con gli altri per questa battaglia.

E’ ancora vivo il ricordo di quando ad una riunione, in un pubblico ufficio, qualcuno ci “sfotteva” dicendo che le “ nano (particelle) le mangiava arrostite”. Ma per fortuna, anche dentro alle istituzioni c’era qualcuno che lavorava onestamente per la causa: in silenzio e con i fatti.

Bene, siamo lieti che abbiano cambiato idea e che, piano piano, abbiano esperito tutte le procedure previste dalla legge per coinvolgere i cittadini nei progetti che incidono sui loro territori. Siamo lieti che le istituzioni abbiano ascoltato i Medici di Medicina Generale della ASL 8 ( F. Lucioli, A. Brocchi, M.Conti, M. Bietolini, A. Mariangeloni, P. Ricciolini che con competenza hanno illustrato le problematiche sanitarie derivanti dall’uso delle biomasse come fonti di energia. In determinati momenti c’è voluto molto coraggio per resistere alle lusinghe minacciose che arrivavano da ogni dove.

Adesso tutto questo è stato archiviato (non cancellato) nella nostra memoria, e siamo soddisfatti del risultato raggiunto ex lege.

A noi sono bastati impegno, costanza, coraggio, determinazione, competenza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Per fortuna solo qualcuno, tra i tanti che ci hanno messo la faccia, ha solamente messo il cappello sulla vittoria.

Ma si sa, sono le sconfitte ad essere orfane.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' ballottaggio. Sondaggi, conferme e rimonte: la cronaca della giornata

  • Regionali, euforia nel centrosinistra. Giani: "Dedico la vittoria a mia moglie". Exit Poll Tg1: Ghinelli tra il 46,5 e il 50,5%

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Coronavirus, 17enne postivo: classe di una scuola superiore in isolamento. Tamponi in corso

  • Otto casi di coronavirus nell'Aretino. Deceduto un paziente di 67 anni

  • Elezioni regionali 2020: i risultati di Arezzo. Susanna Ceccardi la più votata del comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento