Tassa dei rifiuti, Vannetti: "Divenuta insostenibile per famiglie e imprese"

Confartigianato Arezzo lancia l’allarme: la tassa dei rifiuti è aumentata del 22,61% dal 2010 e ben del 222,47% dal 2000e “sta diventando insostenibile per famiglie e imprese”. In testa nella classifica delle regioni con le tariffe per i rifiuti...

vannetti_ferrer

Confartigianato Arezzo lancia l’allarme: la tassa dei rifiuti è aumentata del 22,61% dal 2010 e ben del 222,47% dal 2000e “sta diventando insostenibile per famiglie e imprese”. In testa nella classifica delle regioni con le tariffe per i rifiuti più alte c’è proprio la Toscana, con 208,25 euro per abitante, il 23,9% più della media, preceduta soltanto dal Lazio con 214 euro di costi per abitante e la Liguria con 211,75.

“Il problema – spiega il presidente di Confartigianato Arezzo, Ferrer Vannetti – è che i costi delle tariffe sono cresciuti tutti in maniera esponenziale, molto più dell’inflazione, e purtroppo si tratta di un andamento che accomuna rifiuti ad acqua, gas ed energia elettrica: +65,10% rispetto al 2000, il 15% in più rispetto al 2010. E l’aumento rilevato negli ultimi 15 anni è circa il doppio rispetto all’aumento del tasso di inflazione dal 2000 ad oggi, che risulta pari al +33,2%”.

Che fare allora: “Per determinare un’inversione di tendenza almeno nel settore dei rifiuti - dettaglia Vannetti - è indispensabile riformare la Tari per il 2016, disponendo tariffe sociali omogenee, detrazioni e piani tributari sostenibili per i bilanci delle famiglie e poi appare necessario ed urgente rendere maggiormente efficiente la raccolta differenziata che, dove funziona in maniera ottimale, consente risparmi notevoli per i cittadini”.

Confartigianato ha poi calcolato il costo del servizio di igiene urbana per le tasche di famiglie e imprenditori che, in media, nel 2014, per tasse e tariffe hanno pagato 168,14 euro pro capite, per un totale di 10,2 miliardi, con una vera e propria impennata negli anni 2012-2015 che si è tradotta in un rincaro del 12,5%, nove volte e mezzo in più della crescita del costo della vita (+1,6%) e con una differenza del 7,4% in più rispetto alla media dei rincari nell’Eurozona fermi al +5,1%.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Italia le tariffe per la raccolta dei rifiuti corrono, quindi, ben più dell’inflazione: sempre secondo la rilevazione di Confartigianato, negli ultimi 5 anni sono aumentate del 22,6%, vale a dire il 14,6% in più rispetto al tasso di inflazione (+8%) e il 12,8% in più rispetto alla crescita media del costo di questo servizio (+9,8%) registrata nell'Eurozona.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' ballottaggio. Sondaggi, conferme e rimonte: la cronaca della giornata

  • Regionali, euforia nel centrosinistra. Giani: "Dedico la vittoria a mia moglie". Exit Poll Tg1: Ghinelli tra il 46,5 e il 50,5%

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Regionali 2020: tutti i nomi dei candidati al consiglio toscano. 102 aretini in corsa

  • Coronavirus, 17enne postivo: classe di una scuola superiore in isolamento. Tamponi in corso

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento