Martedì, 15 Giugno 2021
Economia

Supermaglia, la Regione al lavoro. Dopo lo scoramento ipotesi della continuità produttiva

Le istituzioni locali e regionali sono al lavoro per garantire la continuità dei posti di lavoro e della produzione

L'assemblea dei lavoratori in consiglio comunale a Sansepolcro

La Regione sta lavorando per convocare un incontro con i curatori aziendali, le organizzazioni sindacali e le istituzioni per affrontare la vicenda dell'azienda Supermaglia/Cose di lana di San Sepolcro, cui il giudice ha recentemente negato la proroga del contratto di affitto, dopo il fallimento della Cose di Lana spa. Ne dà notizia il consigliere del presidente per il lavoro Gianfranco Simoncini, dopo aver sentito il sindaco Mauro Cornioli e le organizzazioni sindacali.

La vicenda è intricata, ma potrebbe avere ancora qualche via d'uscita che tuteli i posti di lavoro e la qualità  produttiva espressa dal sito di Sansepolcro.

Sono stati giorni di scoramento, tristezza, di pianti e di incredulità per chi stava lavorando a ritmi elevati alla produzione, alle consegne e si è trovato a sbattere la faccia sulla decisione del giudice, inaspettata. Probabilmente ha ritenuto che le spalle della cooperativa dei lavoratori non fossero abbastanza forti per supportare ancora la situazione, dal punto di vista finanziario.

Eppure qualche mossa era in atto, qualche interessamento di imprenditori, anche di altri settori, con la voglia di immergersi nel mondo della moda, c'era stato. Non è bastato.

E adesso? Un'ipotesi che potrebbe avere un senso potrebbe essere quella di dare continuità produttiva allo stabilimento di Sansepolcro per un raggruppamento di griffes dell'alta moda e dall'altro vendere i marchi come quello di Bramante a terzi. La Regione potrebbe svolgere il ruolo di coordinamento di queste azioni a tutela dei posti di lavoro e dalle professionalità.

82 lavoratori a casa parte la mobilitazione dopo la decisione del giudice

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Supermaglia, la Regione al lavoro. Dopo lo scoramento ipotesi della continuità produttiva

ArezzoNotizie è in caricamento