Spesa alimentare a dicembre, Confartigianato: "Opportunità, per le imprese artigiane e per i consumatori"

il 2019 dovrebbe registrare un incremento in termini reali dello 0,6%, in rallentamento rispetto al +0,8% dell’anno precedente

“Stante il persistere di condizioni di debolezza rispetto alla domanda relativa ai consumi delle famiglie come evidenziato nelle recenti previsioni Istat, per la spesa delle famiglie, il 2019 dovrebbe registrare un incremento in termini reali dello 0,6%, in rallentamento rispetto al +0,8% dell’anno precedente". Così  Fabrizio Piervenanzi, presidente di Confartigianato Alimentazione Toscana parla della situazione attuale e delle opportunità che comune offrirà il periodo natalizi.

In ogni caso la spesa alimentare di dicembre delle famiglie italiane, collegata quindi alle festività natalizie e alla maggiore disponibilità di reddito agganciata alle tredicesime, modificano notevolmente le abitudini dei consumatori facendo registrare questo mese un valore delle vendite al dettaglio di prodotti alimentari e bevande, superiore del 19% alla media mensile annua. Su tale base il nostro Ufficio Studi – prosegue Piervenanzi -  stima per la Toscana una spesa delle famiglie per prodotti alimentari e bevande nel mese di dicembre pari a 413 milioni di euro

I prodotti alimentari più acquistati, sul totale della spesa per questo settore sono formaggi e latticini, salumi, pane e altri prodotti di panetteria e pasticceria (tra cui rientrano in particolare i dolci natalizi), prodotti in cui l’artigianalità rappresenta un importante fattore di qualità. E ancora, prodotti a base di cereali, olio di oliva, bevande alcoliche.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il 42,4% della spesa alimentare di dicembre, che come detto in Toscana dovrebbe attestarsi sui 413 milioni di euro – conclude Piervenanzi - è intercettabile dal sistema di offerta delle imprese artigiane, non solo per la qualità dei nostri prodotti, ma anche per la secolare cultura enogastronomica che le nostre aziende e i nostri territori esprimono. Valori apprezzati in Italia e nel mondo, che concorrono a produrre ricchezza e salvaguardare posti di lavoro.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Otto casi di coronavirus nell'Aretino. Deceduto un paziente di 67 anni

  • Coronavirus, 17enne postivo: classe di una scuola superiore in isolamento. Tamponi in corso

  • Coronavirus in provincia di Arezzo: +13 casi. Quasi tutti in città

  • Tremendo schianto lungo la regionale 71: ragazzina di 12 anni travolta da un'auto

  • Coronavirus: +7 casi nell'Aretino. Ci sono due studenti delle superiori (Itis Galilei e Isis Valdarno) e un neonato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento