Giovedì, 17 Giugno 2021
Economia

Seco, ricavi in crescita di oltre il 20 per cento nel 2019

Il Consiglio di Amministrazione approva il bilancio 2019

Il Consiglio di Amministrazione di Seco Spa azienda leader nel settore dell’alta tecnologia per la miniaturizzazione di computer e sistemi IoT integrati, partecipata da FII Tech Growth gestito dal Fondo Italiano d'Investimento SGR, ha presentato oggi il progetto di bilancio 2019.

Nei dodici mesi del 2019 il gruppo Seco ha registrato un fatturato consolidato pari a 66,5 milioni di euro, con un incremento del 22% rispetto al 2018, confermando così il trend di crescita iniziato negli anni precedenti. La marginalità è cresciuta, grazie al focus su prodotti a maggior valore aggiunto, in maniera più che proporzionale, con un Ebitda pari a 11,5 milioni di euro in crescita del 28% sul 2018 e con un'incidenza sui ricavi in miglioramento dal 16,5% del 2018 al 17,3% del 2019.

Con sede ad Arezzo e circa 380 dipendenti in Italia, Usa, Germania, Cina e Taiwan, Seco nel 2019 ha ulteriormente esteso il suo raggio d’azione portando a termine due acquisizioni importanti. In Cina ha rilevato una quota di maggioranza nel capitale di Fannal Electronics CO. Ltd rafforzando gli investimenti in ricerca e sviluppo e la capacità produttiva. In Usa ha acquisito il 100% di InHand Electronics, società basata in Maryland, specializzata nel design e produzione di micro computer rugged a bassi consumi, dispositivi mobili e software destinato a produttori (OEM) di dispositivi portatili, Internet delle Cose (IoT), per applicazioni militari/difesa, industriali, medicali, trasporti, infotainment.
Le prospettive per il 2020 nonostante l’emergenza Covid-19, restano molto positive.

"Siamo soddisfatti dei risultati ottenuti nel 2019, anche il primo trimestre 2020, pur in questa fase di emergenza, registra un trend di crescita dei ricavi significativo - ha chiarito l’ad Massimo Mauri - Siamo fiduciosi e intendiamo proseguire, anche grazie al supporto del fondo FII Tech Growth, accelerando i nostri progetti di sviluppo tecnologico e di innovazione". 

Durante l’emergenza Seco è sempre rimasta operativa, in quanto è stata valutata importante per la filiera dei prodotti biomedicali e si è attivata con largo anticipo con l’estensione dello smart working e la messa in sicurezza gli ambienti lavorativi, lo scaglionamento dei turni, la suddivisione di aree e ambienti, la scansione della temperatura in ingresso e, naturalmente la fornitura di tutto il personale dispositivi di protezione, dalle mascherine al gel igienizzante, come pure guanti e occhiali. La sede in Cina è rimasta chiusa dal 31 dicembre 2019 fino allo scorso 10 febbraio.

Seco, ha recentemente presentato sul mercato Respira un dispositivo innovativo specifico per pazienti Covid e con patologie respiratorie. Si tratta di un ventilatore polmonare portatile non invasivo realizzato in partnership con Ibd, industria innovativa italiana attiva nel settore biomedicale e la cui produzione verrà avviata non appena saranno rilasciate le necessarie certificazioni.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Seco, ricavi in crescita di oltre il 20 per cento nel 2019

ArezzoNotizie è in caricamento