Ipotesi Scortecci per Coingas, Staderini saluta: "Nel piano industriale una multiservizi per cimiteri e verde pubblico"

Giovedì 31 l'assemblea dei soci per il nuovo amministratore unico

Sergio Staderini lascia Coingas

"C'è rammarico e dispiacere, ma non ci sono alternative" Sergio Staderini, uomo di fiducia del sindaco di Arezzo Alessandro Ghinelli lascia il suo incarico di amministratore unico di Coingas per motivi professionali e lo fa non contento di farlo, avrebbe voluto lasciare ancora maggiormente il segno nella partecipata pubblica che a sua volta e socio di Estra.

"Sono arrivato che era una scatola vuota e adesso lo è sempre di meno, grazie anche al fatto che qua c'è armonia tra tutti i sindaci dei comuni soci e le delibere si prendono all'unanimità. Il piano industriale è pronto, anche se sarà il mio successore ad approvarlo e a metterlo in pratica, ma il percorso è tracciato."

Un percorso che mette a Coingas la veste di una multiservizi pubblica:

"Credo molto nel fatto che questa azienda possa essere davvero utile ai comuni soci. Come? Ad esempio per la gestione del verde pubblico, oppure degli stessi cimiteri, solo il comune di Arezzo ha chi se ne occupa, mentre negli altri casi potrebbe essere Coingas a farlo."

Creare una cooperativa potrebbe essere lo strumento giusto per mettere in pratica il piano industriale, con i Comuni, come clienti diretti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sergio Staderini lascia la guida di Coingas: le motivazioni

E adesso? Il 31 gennaio è stata convocata l'assemblea e all'ordine del giorno c'è il nuovo amministratore unico di Coingas, un nome che sarà nel segno della continuità e che quindi orbiterà tra coloro che sono più vicino al sindaco e alla lista civica che portava il suo nome. Il Comune di Arezzo ha infatti la maggioranza relativa delle quote, il 45%. In questo periodo tra coloro che restano senza incarico c'è ad esempio Franco Scortecci, fino ad ora presidente dell'Istituzione Giostra, ma l'ente è in fase di chiusura per la gestione della Giostra del Saracino che sarà affidata con una nuova veste ad una sorta di consulta. Se tanto ci dà tanto questo è un nome su cui scommettere per la prossima guida di Coingas.franco-scortecci

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Studente precipita da 6 metri il primo giorno di scuola: è grave. Sequestrata l'area

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • Nomi, non tutti sono permessi: ecco quelli vietati dalla legge in Italia

  • Regionali 2020: tutti i nomi dei candidati al consiglio toscano. 102 aretini in corsa

  • Schianto frontale e strada chiusa: 4 feriti, di cui tre ragazzi. Grave una 42enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento