Economia

"Basta lavorare nei festivi". Sciopero nei supermercati a Natale, Santo Stefano e Capodanno

"Il commercio non è un servizio essenziale: basta il 'sempre aperto'". La nota Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Toscana

"Il Ministro Di Maio e il Ministro Salvini avevano promesso la modifica della Legge Monti con l'individuazione delle Festività con l’obbligo di chiusure per tutti e la reintroduzione della chiusura per le domeniche. Siamo arrivati di nuovo alle festività natalizie e niente è cambiato". Attacca così una nota delle sigle sindacali Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Toscana.

Noi diciamo: basta promesse, no al sempre aperto; no a lavorare per le feste; il commercio non è un servizio essenziale. Il Governo recepisca la proposta unitaria di Filcams, Fisascat e Uiltucs presentata in Commissione lavoro che prevede: 12 festività civili e religiose con obbligo di chiusura per tutte le attività commerciali; 12 domeniche massime l'anno di deroga alla chiusura, da concordare tra Enti locali e Parti Sociali. In attesa di veder realizzate le richieste, Filcams, Fisascat e Uiltucs della Toscana proclamano astensione e sciopero dal lavoro per il 25 e 26 dicembre 2018 e per il 1° gennaio 2019. Sottolineando quanto molte sentenze hanno sancito: il lavoro nelle festività civili e religiose individuate dal Contratto nazionale non è un obbligo e il lavoratore non può essere comandato al lavoro senza il proprio consenso. Perché la festa non si vende.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Basta lavorare nei festivi". Sciopero nei supermercati a Natale, Santo Stefano e Capodanno

ArezzoNotizie è in caricamento