Sciopero fiscale per negozi, ristoranti e servizi. Marinoni (Ascom): "E' legittimo, ecco le tasse coinvolte"

Confcommercio si è rivolta a legali che hanno così elencato le tasse e imposte che possono essere oggetto di “sciopero fiscale”, "avvertendo però - dice Ascom - che l’ente creditore del tributo non riscosso potrà comunque pretenderne il pagamento e comminare le relative sanzioni"

Franco Marinoni, direttore Ascom Regionale

Il direttore di Confcommercio Toscana Franco Marinoni parla a proposito dell'iniziativa delle imprese toscane del terziario - commercio, bar, ristoranti, imprese di servizi - per lo sciopero fiscale in Toscana. Stop tasse e imposte. Marinoni sottolinea "l’assoluta liceità dell’iniziativa che coinvolgerà 50mila imprese toscane". E dice: “mentre l’evasore fiscale è un ladro della collettività e come tale va condannato, chi protesta contro l’iniquità dello Stato adottando uno strumento legittimo come lo sciopero fiscale compie un atto ben diverso e ben più condivisibile anche da un punto di vista sociale”.

Non si potranno - dice l'Ascom regionale - evitare i pagamenti di ritenute, Iva e imposta di soggiorno, ma lo si potrà fare per una lunga serie di altre tasse e imposte, da Irap e Ires a Imu, bollo auto e tassa sugli immobili.

Le parole di Franco Marinoni, direttore Ascom Toscana

“Certamente non si potranno sottrarre al pagamento delle ritenute né a quello dell’imposta Iva (anche se tanti imprenditori, avendo merce acquistata ma ancora invenduta in negozi e magazzini, di fatto sono a credito), ma neppure, nel caso di quei pochi alberghi che hanno lavorato, dell’imposta di soggiorno, perché si tratta di un credito che l’azienda riscuote per conto del proprio Comune - sostiene Marinoni -. “Possono però dichiarare lo sciopero fiscale per una lunga serie di altre tasse e imposte, da Irap e Ires a Imu, bollo auto e tassa sugli immobili”.

Il direttore di Ascom aggiunge: “Si tratta di una azione di protesta collettiva che rientra nell’ambito dei diritti di cui agli articoli 18 (diritto di libera associazione) 21 (diritto di libera manifestazione di pensiero), 39 ( diritto di libera organizzazione sindacale) 40 (diritto di sciopero) della Costituzione della Repubblica Italiana; non dimentichiamo che, sempre in base alla nostra Costituzione, sarebbe compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese”.

Confcommercio Toscana per avviare l'iniziativa si è rivolta a legali che hanno così elencato le tasse e imposte che possono essere oggetto di “sciopero fiscale”, "avvertendo però - dice Ascom - che l’ente creditore del tributo non riscosso potrà comunque pretenderne il pagamento e comminare le relative sanzioni":

  • Imposta regionale sulle attività produttive (Irap),
  • Imposte sul reddito delle società (Ires)
  • Maggiorazione IRES Società di comodo
  • Imposta per l’adeguamento dei principi contabili (Ias)
  • Imposta sostitutiva per la rivalutazione dei beni d’impresa
  • Tassa annuale sui registri contabili
  • Imposta sostitutiva imprenditori e lavoratori autonomi regime di vantaggio e regime forfetario agevolato
  • Contributo Ambientale Conai (Consorzio Nazionale Imballaggi)
  • Imposte e dazi doganali
  • Tassa di iscrizione agli Albi professionali o all’abilitazione dell’esercizio professionali
  • Addizionale comunale sui diritti d’imbarco di passeggeri sulle aeromobili Imposta sulle riserve matematiche di assicurazione
  • Tasse sulle persone fisiche
  • Imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef)
  • Tasse sull’istruzione Canoni su telecomunicazioni e Rai Tv
  • Imposte su giochi e lotterie
  • Imposte sui consumi di prodotti particolari
  • Tasse su auto e trasporti
  • Bollo auto
  • Imposte sui premi RC auto
  • Tasse e accise sulla benzina
  • Imposta provinciale di trascrizione (IPT)
  • Addizionale erariale tassa automobilistica per auto di potenza sup 185 kw
  • Tasse sulla casa e immobili
  • Imposta municipale propria (Imu)
  • Tributo per i servizi indivisibili (TASI)
  • Tassa smaltimento rifiuti (TARI)
  • Tasse sul consumo energetico.

"Se sul fronte dei tributi - conclude Confcommercio Toscana - il governo nazionale non ha fatto molto finora, una mano alle imprese potrebbe arrivare dalle Amministrazioni Comunali: in virtù dell’Art. 1 Commi 796 e 797 della Legge 27.12.2019 n. 160 (Legge di bilancio 2020), infatti, i Comuni in quanto esattori dei tributi locali possono, su richiesta del debitore, applicare una dilazione di pagamento fino ad un massimo di 72 rate mensili. Dilazione che può essere poi ulteriormente rateizzata per altri 72 mesi, per un totale quindi di 144 mesi. Abbastanza per dare un po’ di respiro a chi versa in condizioni economiche precarie".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dpcm 3 dicembre: dal 21 stop a spostamenti tra regioni. Nei giorni rossi si resta nel proprio comune

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • Lorenzo, sfibrato dal Covid: "Ero uno sportivo, oggi respiro con fatica". E c'è chi lo insulta su Facebook: "Hai inventato tutto"

  • Travolto assieme al cane mentre attraversa la strada: ferito 31enne

  • Toscana "in arancione" da domenica 6 dicembre. Giani: "Abbiamo dati da zona gialla ma restiamo accorti"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento