Saima Meccanica: oltre 30 anni di storia e un grande cuore aretino. "Capitale umano risorsa inestimabile"

Il fatturato continua a crescere annualmente. I dipendenti non hanno mai fatto un giorno di cassa integrazione. E il mercato internazionale li ha, col tempo, scelti come società di riferimento. Non è una storia di fantascienza ma quella di Saima...

saima_meccanica_dirigenza

Il fatturato continua a crescere annualmente. I dipendenti non hanno mai fatto un giorno di cassa integrazione. E il mercato internazionale li ha, col tempo, scelti come società di riferimento.

Non è una storia di fantascienza ma quella di Saima Meccanica, azienda aretina che dal 1977 opera nel settore della produzione di cabine di verniciatura industriale e per carrozzeria.

Una realtà che da sempre ha sede ad Indicatore e che nel corso degli anni ha saputo reinventare sé stessa senza mai perdere di vista i propri valori e origini.

“La nostra più grande risorsa sono senza ombra di dubbio i dipendenti – spiega il presidente Paolo Moretti – oltre la metà di loro sono con noi dall’inizio. Sono diretti responsabili dei successi e della crescita dell’impresa”.

saima_azienda

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La nascita della Società Aretina Industria Macchine Agricole risale al novembre del 1977. Nel 1981 vengono progettati e realizzati i primi prototipi di cabine per la verniciatura e, nello stesso anno, fa il suo ingresso un gruppo di lavoro nuovo con importanti esperienze alle spalle. Poi, nel 1983 parte la produzione degli impianti e Saima stringe i primi importanti rapporti con realtà estere.

Europa, Russia, Medio Oriente, Nord Africa, Australia, Sud America, Stati Uniti, Giappone e Canada sono soltanto alcuni dei Paesi raggiunti dai prodotti dell’azienda di Indicatore. “Ovunque esista un parco macchine – prosegue Moretti – noi ci siamo. Dall’84 al ’91 abbiamo avuto un grosso incremento della produzione e abbiamo stretto legami con grossi importatori. Relazioni che durano ancora oggi e che ci permettono di esportare macchinari in tutto il mondo”. Una connessione confermata anche dalle cifre visto che il 90 per cento dell’attività di Saima Meccanica è rivolta ai mercati esteri. Non è un caso che l’azienda vanti rapporti trentennali con importatori thailandesi, statunitensi, canadesi, tedeschi e giapponesi. Realtà diventate storiche e grazie alle quali la società ha accresciuto il patrimonio professionale e umano. Da destra: Vincenzo Scoscini, Paolo Moretti, Da destra: Vincenzo Scoscini, Paolo Moretti, Paolo Scoscini e Rino Rinaldi Nel tempo, particolare attenzione è stata riservata anche alla ricerca di nuove aree e sinergie. “Tra i mercati emergenti sui quali ci stiamo insediando – spiega il direttore di Saima Meccanica, Vincenzo Scoscini – ci sono la Cina e l’India. La forza della nostra azienda è quella di aver saputo ben razionalizzare i costi di produzione e continuare a ricercare il miglioramento e affinazione dei prodotti. Per questa ragione abbiamo scelto di fare componenti nostri ed evitarne l’acquisto. Ma non solo. Una delle peculiarità che ci ha distinto è il grande servizio di supporto post vendita che offriamo. Tutto questo ha contribuito a fare di Saima Meccanica la realtà che è oggi”. Grandi traguardi, grandi sfide e anche grandi difficoltà affrontate sempre a testa alta. “Il 2009, l’anno della recessione economica, è stato anche per noi un momento non semplice – spiega l’ingegner Moretti – abbiamo però ancora di più serrato i ranghi e fatto fronte alla situazione con maggiore impegno. I risultati si sono visti subito dopo. Nel 2011 avevamo raggiunto nuovamente il fatturato del 2008 e da allora, annualmente, abbiamo registrato crescite del 7-8 per cento”. Con un fatturato di circa 15 milioni e un know-how fortemente specializzato, Saima Meccanica continua il proprio cammino industriale mantenendo un importante radicamento con il territorio di origine e custodendo gelosamente la sua più grande risorsa: il capitale umano. “Non dimenticheremo mai da dove siamo partiti – spiega Vincenzo Scoscini – ma non perderemo di vista neanche il traguardo che vogliamo raggiungere. Come vedo Saima da qui ai prossimi trent’anni? L’augurio è quello di trovare una realtà sempre al passo coi tempi dove si realizzano prodotti “sartoriali” progettati e realizzati seguendo le esigenze di ogni singolo cliente. Una mission che, dopo tutto, è già la nostra filosofia”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuola nel caos, annullate le graduatorie dei docenti precari. Lunedì molte cattedre resteranno vuote

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Studente precipita da 6 metri il primo giorno di scuola: è grave. Sequestrata l'area

  • "Positivo al Covid e dimenticato in una stanza del pronto soccorso di Siena", la storia di un giovane padre aretino

  • Nomi, non tutti sono permessi: ecco quelli vietati dalla legge in Italia

  • Ubi in Intesa e filiali aretine a Bper, poi il dubbio Mps. Cosa ne sarà degli sportelli della città?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento