rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Economia

Rincari metano. Cisl e Adiconsum: “Non sono giustificabili così come l’esaurimento delle scorte”

Dal sindacato: "Vogliamo che tutto questo non sia frutto di “un cartello” che confligge con le regole del libero mercato. Certo è che a pensare male si fa peccato ma qualche volta ci si azzecca”

“Quello che è accaduto ad Arezzo ieri, 1 ottobre, in merito al raddoppio del costo del metano per autotrazione alle pompe ha dell’incredibile oltreché oltraggioso nei confronti dei cittadini”. Sono queste le dure parole utilizzate dai rappresentanti aretini della Ust Cisl e Adiconsum Cisl che, attraverso una nota intervento sul tema del rincaro dei prezzi. “È possibile che solo ad Arezzo le scorte si siano esaurite? - proseguono - Possibile che solo ad Arezzo o poco più a macchia di leopardo il distributore abbia imposto un aumento superiore a quanto indicato dalle grandi compagnie sopra al 40% e intorno al 100%? Possibile che anche in passato nella nostra area comunale i prezzi liberi fossero tutti identici e qualche sporadico tentativo di offerta sia finito in pochi giorni?  Domande lecite che qualsiasi cittadino/cliente si pone e si è posto. Come sindacato e come associazione di difesa dei consumatori non possiamo tacere su quanto verificatosi e, pertanto, chiederemo nelle modalità di legge tramite la nostra associazione Adiconsum i controlli previsti segnalando alle autorità competenti e alla guardia di finanza. Vogliamo che tutto questo non sia frutto di “un cartello” che confligge con le regole del libero mercato. Certo è che a pensare male si fa peccato ma qualche volta ci si azzecca”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rincari metano. Cisl e Adiconsum: “Non sono giustificabili così come l’esaurimento delle scorte”

ArezzoNotizie è in caricamento