menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La protesta di Natale dei pubblici esercizi. Fipe Confcommercio dice 'basta!'

Cartelli nei locali di Arezzo e provincia per manifestare l’esasperazione della categoria verso il governo

Costretti a tenere le serrande abbassate, ristoratori e gestori dei pubblici esercizi italiani non intendono passare Natale e Capodanno in silenzio. Al contrario. A partire da oggi (23 dicembre 2020) e per tutta la durata delle festività, decine di migliaia di locali, ad Arezzo e provincia così come nel resto d’Italia, esporranno un cartello di protesta all’indirizzo del governo per dire: “Basta!”, al caos normativo degli ultimi mesi che continua a penalizzare le imprese del settore. Rabbia ed esasperazione riassunte nel manifesto unitario siglato da Fipe -Confcommercio, la principale associazione di rappresentanza dei pubblici esercizi.

“22 DPCM, 36 decreti-legge, 160 giorni di chiusura, un numero imprecisato di ordinanze regionali, una differenza impressionante fra quanto annunciato e quanto attuato”, sottolineano i presidenti dei Baristi aretini Stefano Mearini, dei Ristoratori Federico Vestri e delle Pizzerie Renato Pancini, “per questo diciamo basta ad un governo che apre e chiude le aziende come fossero interruttori e si prende il diritto di vietare il lavoro delle imprese, senza trovare una strada per tutelarle. Noi imprenditori del settore siamo esausti e increduli”.

Il risultato è un settore al collasso che ha deciso di rivolgersi direttamente ai cittadini. “Noi vogliamo e siamo in grado di lavorare in sicurezza”, dicono Mearini, Vestri e Pancini, “per questo nel manifesto ci rivolgiamo ai nostri clienti: chiediamo loro di esserci vicini e di continuare a sceglierci, dove possibile, anche in queste difficili giornate. La loro gratificazione e? la nostra forza ed il nostro futuro”.

“Al governo, i pubblici esercizi chiedono invece un altro tipo di DPCM: Dignità, Prospettiva, Chiarezza e Manovra”, aggiunge la vicedirettrice della Confcommercio aretina Catiuscia Fei. “La dignità di attività essenziali e sicure; la prospettiva di un piano di riqualificazione e sviluppo, magari attraverso un adeguato inserimento nel Piano nazionale di Ripresa e Resilienza; la chiarezza sui tempi di riapertura a gennaio; una manovra correttiva che garantisca indennizzi adeguati e ristori calcolati sulle effettive perdite, sostegno all’indebitamento, risoluzione dei problemi di locazione”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La leggenda di Matelda, la "vedova nera" dei Conti Guidi

social

L'opera in cui c'è la città di Arezzo dietro al Cristo crocifisso. E la storia della chiesa che la ospita

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento