menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Stipendi migliori e tutele sindacali per i rider che consegnano cibo a domicilio"

L'appello del sindacato Uiltucs sulla porposta di emendamento al decreto legge Crisi. Pochi giorni fa c'era stato un incidente che ad Arezzo che aveva coinvolto un fattorino 19enne

"La proposta di emendamento al decreto legge Crisi, che riguarda i rider, sembra andare nella direzione giusta: la presenza di diritti sindacali insieme a retribuzione e tutele dignitose".

È il commento della Uiltucs, unione italiana lavoratori del turismo, commercio, servizi, che si occupa dei lavoratori della Gig Economy.

"D'altronde - spiega il sindacato - anche in Francia la legge sul lavoro tramite piattaforme prevede il diritto di rappresentanza sindacale per i gig worker".

Schianto durante la consegna del cibo a domicilio: rider 19enne in ospedale

"Nella sfida che le tecnologie impongono oggi al mercato del lavoro, - incalza la Uiltucs - le parti sociali devono mettere al primo posto una cosa sola: la persona. I dati, gli algoritmi, la privacy devono essere strumenti utili per ottenere condizioni di lavoro dignitose al passo coi tempi".

E il sindacato aggiunge:

Come Uiltucs chiediamo ad Assodelivery e alle aziende delle consegne a domicilio una responsabilità sociale di impresa capace di mettere al centro i diritti dei lavoratori. Siamo pronti al confronto già da tempo con una nostra proposta capace di coniugare flessibilità e diritti, cioè quello che vogliono i fattorini. Ci auguriamo comunque - conclude la Uiltucs - che la legge possa davvero rispecchiare le attese, sia di chi fa il fattorino come lavoro principale, sia di chi lo fa come secondo lavoro o lavoro marginale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Zecchino d’Oro: aperti i casting online per la Toscana

  • Gossip Style

    Estate 2021, la moda delle perline colorate

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento