Maltempo, agricoltura in ginocchio. Danni stimati per 10milioni di euro: "Serve stato di calamità"

Se non venisse dichiarato lo stato di calamità - chiude la Coldiretti aretina - i danni di questi giorni, potrebbero provocare la definitiva chiusura di più aziende messe letteralmente in ginocchio

Si è abbattuta senza scampo per l’agricoltura aretina, la violenta tempesta di grandine che ieri pomeriggio ha letteralmente devastato centinaia e centinaia di ettari nella provincia di Arezzo.

“La situazione è davvero drammatica - comunica la Coldiretti aretina - il dato è ancora molto superficiale, ma da una prima e sommaria stima, si contano una serie di danni che potrebbero arrivare tra i 9 ed i 10 milioni di euro per tutta la parte aretina e dell’area della Valdichiana.

I danni sono stati totali rispetto sia alla produzione di frutta che di ortaggi a pieno campo, sono stati rasi al suolo tabacco, girasole e mais, ma il maltempo ha colpito altresì infrastrutture, come serre ad esempio oltre ad aver battuto forte causando disagi alle strutture agrituristiche”. 

Si sta verificando una tendenza alla tropicalizzazione che si evidenzia con una più elevata frequenza di manifestazioni violente, grandine di maggiore dimensione, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi ed intense ed il rapido passaggio dal sole al maltempo che compromettono le coltivazioni nei campi tra perdite della produzione agricola e danni alle strutture e alle infrastrutture nelle campagne. 

“La grandine – sottolinea la Coldiretti provinciale – è l’evento atmosferico più temuto dagli agricoltori in questa stagione perché i chicchi si abbattono su verdure, frutta e cereali prossimi alla raccolta provocando danni irreparabili alle coltivazioni mandando in fumo un intero anno di lavoro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Se non venisse dichiarato lo stato di calamità - chiude la Coldiretti aretina - i danni di questi giorni, potrebbero provocare la definitiva chiusura di più aziende messe letteralmente in ginocchio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm in arrivo entro il 9 novembre. Possibili restrizioni nella mobilità tra Regioni

  • Coronavirus, 1823 casi in Toscana. 15 i decessi in 24 ore

  • Coronavirus nell'Aretino: +252 casi oggi. I contagi per comune. Esauriti i posti in Terapia intensiva al San Donato

  • Schianto frontale tra un furgone e un bus di linea: c'è un ferito grave

  • 92 nuovi positivi nell'Aretino, più della metà nel capoluogo. Salgono a 79 i ricoveri

  • Coronavirus, marito e moglie muoiono a distanza di 24 ore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento