Tutelare estetiste e acconciatori: "Sono sicuri e affidabili, no all’abusivismo"

Marzocchi ribadisce la posizione nettamente contraria di Confartigianato sulle chiusure degli esercizi del settore, che nei giorni scorsi era stata ventilata più volte, e che è stata poi scongiurata almeno per i parrucchieri nell’intero territorio nazionale, mentre allo stato attuale i centri estetici possono restare aperti solo nelle zone gialle e arancioni

“La scongiurata chiusura dei parrucchieri che potranno restare aperti anche nelle zone rosse è molto importante ma non capiamo perché non sia stato usato lo stesso metro di giudizio per tutto il settore dei Servizi alla persona, che è assolutamente sicuro anche per la sua importante storia di valorizzazione della tutela della salute dei clienti che nasce ben prima dell’epoca covid”. Sono riflessioni dell’aretino Pierluigi Marzocchi, che per Confartigianato Arezzo ricopre l'incarico di presidente provinciale della Federazione Benessere mentre a livello regionale è presidente dell’Estetica, e che è stato appena nominato nel Consiglio Nazionale di Confartigianato Estetica.

Come si vede quindi un impegno a tutto tondo, quello di Marzocchi, a tutti i livelli, da quello provinciale, a quello regionale, compreso adesso anche quello in campo nazionale, specialmente in un momento come questo caratterizzato dall'emergenza pandemia, “che ci impone di essere pronti in ogni momento per fronteggiare la situazione”.

Marzocchi ribadisce la posizione nettamente contraria di Confartigianato sulle chiusure degli esercizi del settore, che nei giorni scorsi era stata ventilata più volte, e che è stata poi scongiurata almeno per i parrucchieri nell’intero territorio nazionale, mentre allo stato attuale i centri estetici possono restare aperti solo nelle zone gialle e arancioni.

“Ma qualsiasi chiusura nel nostro settore – spiega Marzocchi – secondo Confartigianato è da evitare assolutamente perché inutile, oltre che estremamente dannoso per la categoria che ha già pagato molto salato il periodo di lockdown della scorsa primavera, tanto da mettere in ginocchio una fetta molto importante dell'economia. I nostri imprenditori hanno poi investito tantissimo per garantire la massima sicurezza dei loro clienti, per cui invitiamo di cuore donne e uomini a recarsi con estrema tranquillità presso i nostri centri estetici e i nostri saloni di acconciatura, perché sono assolutamente sicuri; hanno ripreso a pieno regime nel rispetto di tutte le norme anti Covid, mascherine, sanificazioni dei locali e distanziamento per cui penalizzarle sarebbe illogico”.

“Inoltre – conclude Marzocchi -  recarsi nei nostri centri estetici e nei nostri saloni di acconciatura è fondamentale per evitare di utilizzare coloro che intendono sfruttare in maniera scorretta questo momento difficile, e cioè gli abusivi, che vanno assolutamente evitati, sia per la mancanza di sicurezza sanitaria, sia per la concorrenza sleale nei confronti di coloro che svolgono la professione nel rispetto delle leggi e delle regole”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • In aula insieme ad Angelo. La storia di una classe tornata sui banchi per non lasciare solo l'amico

  • Spostamenti, la nuova ordinanza in Toscana. Cosa si potrà fare

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento