Pagamenti elettronici. Binazzi (Cna): "Servono incentivi per gli artigiani"

"Il governo dovrebbe pensare a tutelare le piccole imprese invece che prevedere sempre nuovi aggravi burocratici e di costi che sui piccoli imprenditori pesano in media molto di più”

Franca Binazzi, presidente Cna Arezzo

“Pagamenti elettronici? Inquadriamo bene la questione. Mica si tratta di contestare la lotta all’evasione fiscale e la diffusione della moneta elettronica". 

Sono queste le parole della presidente di Cna Arezzo Franca Binazzi che interviene precisando la propria posizione, e quella della categoria, in merito alla questione dei pagamenti elettronici.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Per artigiani e piccole imprese il punto è poter contare su un sistema dei pagamenti più snello e meno costoso che significa più agevolazioni e meno sanzioni - prosegue la presidente Cna Arezzo - incentivare in modo efficace i sistemi di pagamento elettronico vuol dire promuovere misure decisive come la drastica riduzione delle elevate commissioni sui pagamenti di piccola entità, l’accelerazione degli investimenti per la diffusione delle infrastrutture digitali e  l’abbattimento dei costi per cittadini e imprese sulle carte prepagate e i bancomat. Pensare che l’evasione fiscale si combatta solo con la limitazione del contante è una visione miope: ci leggo l’idea di scaricare le colpe del sommerso solo su imprenditori ed autonomi o, ancor peggio, di favorire le banche. Si sta parlando di doppie multe per le imprese che non utilizzano il Pos, ma non si dice che in altri paesi europei non si applicano spese di gestione nè commissioni per i pagamenti elettronici. Vale la pena ricordare che quest’anno artigiani, imprese e professionisti hanno già dovuto far fronte a nuovi costi ed adempimenti legati all’obbligo della fatturazione elettronica. Ora arriva la nuova incombenza dello scontrino elettronico che obbliga a dotarsi di un registratore di cassa telematico per il quale - sia chiaro- lo sconto fiscale di 250 euro copre solo parzialmente il costo dell’adeguamento. Insomma siamo davanti ad altri costi e problematiche tecniche, una per tutte la difficoltà di chi opera in aree dove la connessione è scarsa. E poi i provvedimenti dovrebbero tenere conto del fatto che le imprese non sono tutte uguali per dimensioni, fatturato, risorse umane e competenze tecnologiche. Basti pensare al fatto che una fetta dei nostri associati ha affidato ai nostri uffici la gestione della fatturazione elettronica a dimostrazione che non tutti possono far da sé. Il governo dovrebbe pensare a tutelare le piccole imprese invece che prevedere sempre nuovi aggravi burocratici e di costi che sui piccoli imprenditori pesano in media molto di più”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • Studente precipita da 6 metri il primo giorno di scuola: è grave. Sequestrata l'area

  • Regionali 2020: tutti i nomi dei candidati al consiglio toscano. 102 aretini in corsa

  • Nomi, non tutti sono permessi: ecco quelli vietati dalla legge in Italia

  • Schianto frontale e strada chiusa: 4 feriti, di cui tre ragazzi. Grave una 42enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento