rotate-mobile
Economia

Orafi argentieri senza contratto: il 26 ottobre sciopero e presidio davanti a Confindustria

Il 4 ottobre le delegazioni di Federorafi e Fim, Fiom, Uilm si sono incontrate a Milano con gli imprenditori, che hanno avanzato una proposta di un incremento salariale giudicata "fortemente insufficiente"

Sciopero di quattro ore: le ultime del turno. E presidio di fronte alla sede di Confindustria in via Roma: inizio alle ore 14.30. I lavoratori del settore orafo argentiero dell’industria scendono in sciopero, martedì 26 ottobre, per il rinnovo del contratto nazionale di lavoro. La decisione è stata presa dalle federazioni di categoria Fiom Cgil, Fim Cisl e Uilm Uil.

La trattativa stenta ad arrivare ad una conclusione. Il 4 ottobre le delegazioni di Federorafi e Fim, Fiom, Uilm si sono incontrate a Milano e gli imprenditori hanno avanzato una proposta di un incremento salariale al 5° livello di 77 euro (25 a giugno 2022, 25 a giugno 2023 e 27 a giugno 2024) con la scadenza contrattuale fissata a giugno 2024.

I sindacati hanno valutato questa proposta “fortemente insufficiente” ed hanno indicato 5 motivi a sostegno di questo giudizio: 1) se è vero che il settore orafo ha sofferto la crisi conseguente la pandemia, le prospettive (e gli esiti della fiera di Vicenza) sono buone e ci sarà bisogno di ricominciare a produrre; 2) insieme alle imprese, hanno subito la crisi anche e soprattutto i lavoratori e le lavoratrici, i cui redditi sono stati falcidiati dal ricorso alla cassa integrazione ed è quindi necessaria una dignitosa risposta salariale; 3) il CCNL orafo è l’unico contratto del settore industriale che Fim, Fiom e Uilm non hanno ancora rinnovato; 4) le retribuzioni contrattuali dei lavoratori orafi sono inoltre più basse sia di quelle del settore tessile che di quelle del settore metalmeccanico, non è un caso che le aziende spesso non trovano le professionalità per rispondere alle richieste del mercato; 5) infine, la proposta con “solo” 3 delle 4 tranche di aumento dei metalmeccanici (e, guarda caso, tralasciano la più consistente) e la scadenza a giugno 2024, contemporaneamente al contratto dei metalmeccanici, rischia di generare ulteriori ritardi e un ampliamento del divario tra le retribuzioni contrattuali degli orafi e dei metalmeccanici”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Orafi argentieri senza contratto: il 26 ottobre sciopero e presidio davanti a Confindustria

ArezzoNotizie è in caricamento