menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il mercato tutelato dell'energia elettrica sta per terminare

Dopo diverse proroghe il superamento delle tutele di prezzo nel mercato elettrico per le piccole imprese è infatti previsto dal 1° gennaio 2021

Il mercato tutelato dell'energia elettrica sta per terminare. Dopo diverse proroghe il superamento delle tutele di prezzo nel mercato elettrico per le piccole imprese è infatti previsto dal 1° gennaio 2021.

A ricordarlo è Confartigianato Imprese Arezzo in collaborazione con il Consorzio Multienergia, che precisa le date nelle quali avrà termine la tutela di prezzo, rispettivamente al 1° gennaio 2021 per le piccole imprese e al 1° gennaio 2022 per le microimprese e per i clienti domestici.

Sarà l'Autorità di regolazione per energia reti e ambiente (ARERA) ad avere il compito di garantire la continuità della fornitura alle piccole imprese connesse in bassa tensione (diverse dalle microimprese) che si troveranno senza fornitore a partire da gennaio 2021.

Per il momento questi sono i passaggi forniti dall'ARERA:

a) a decorrere dal 1° gennaio 2021 l’attuale fornitore di maggior tutela potrà continuare il proprio servizio di fornitura per un massimo di 6 mesi;

a) l’assegnazione del servizio a tutele graduali avverrà mediante procedure concorsuali;

b) terminato il periodo di assegnazione provvisoria, subentreranno nell’erogazione del servizio i fornitori selezionati tramite procedura concorsuale, dando luogo all’assegnazione a regime della durata di tre anni.

Confartigianato poi spiega quali saranno le piccole imprese interessate dalla fine della tutela di prezzo dal 1° gennaio 2021. Saranno quelle che hanno i seguenti requisiti: un numero di dipendenti tra 10 e 50; un fatturato annuo o un totale di bilancio annuo tra 2 e 10 milioni di euro; titolari di punti di prelievo connessi in bassa tensione con potenza contrattualmente impegnata superiore a 15 KW.

“Noi di Confartigianato – spiega Luca Baglioni, vice presidente di Confartigianato imprese Arezzo - siamo sempre a disposizione dei nostri imprenditori per tutti i chiarimenti, per aiutarli a capire se rientrano nella tipologia interessata dalla cessazione del mercato di maggior tutela, oppure se hanno ancora tempo, e per illustrare i passaggi che eventualmente devono compiere. Per esempio – continua Baglioni– è importante sapere che i requisiti verranno attestati attraverso un'autocertificazione e che comunque le condizioni contrattuali applicate alle utenze interessate dal cambiamento prevederanno un passaggio graduale dalle tariffe della tutela a tariffe variabili connesse alla borsa elettrica con uno spread che diverrà definitivo durante le gare di aggiudicazione per il post tutela. Ma ai nostri associati – ci tiene a sottolineare Luca Baglioni - vogliamo anche ricordare che Confartigianato Arezzo aderisce al Consorzio Multienergia, che offre tariffe particolarmente concorrenziali. Invitiamo pertanto i nostri imprenditori a contattarci per avere gratuitamente un’analisi della fornitura di energia elettrica di cui dispongono ed eventualmente per valutare il passaggio della fornitura stessa con il nostro Consorzio Multienergia.”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Il menestrello Grifo, il 'morto resuscitato' del castello di Poppi

  • Psicodialogando

    Perché sono affascinanti le donne mature?

  • Calcio

    Triestina-Arezzo. Le pagelle di Giorgio Ciofini

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento