Giovedì, 29 Luglio 2021
Economia

Memar, in 32 rischiano il posto dopo la fusione con Ubi. Striscioni di protesta vicini alle sedi dell'istituto

Sono in 32 e oggi hanno affidato ad alcuni striscioni, affissi nei pressi delle sedi di Ubi,  le loro paure e la loro voglia di lottare per il proprio posto di lavoro. Sono i dipendenti di Memar, azienda aretina in stato di agitazione da circa...

protesta memar

Sono in 32 e oggi hanno affidato ad alcuni striscioni, affissi nei pressi delle sedi di Ubi, le loro paure e la loro voglia di lottare per il proprio posto di lavoro. Sono i dipendenti di Memar, azienda aretina in stato di agitazione da circa dieci giorni per i problemi di occupazione che in seguito alla fusione di Banca Etruria con Ubi si stanno concretizzando.

Lo spettro della disoccupazione è dietro l'angolo: alcuni giorni fa alla sede Memar è arrivata la lettera di trasferimento, da Arezzo a Roma, dal 1 dicembre, agli 8 addetti che si occupavano del call center. Il contratto è stato infatti disdetto da Ubi.

Oggi gli eloquenti striscioni: "32 persone possono far fallire Ubi?" scrivono in blu e rosso. E ancora "Per 30 anni colleghi... da oggi estranei?", poi l'appello "Ubi salva anche noi".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Memar, in 32 rischiano il posto dopo la fusione con Ubi. Striscioni di protesta vicini alle sedi dell'istituto

ArezzoNotizie è in caricamento