Economia

L'occupazione ad Arezzo stagna, giù l'export. L'allarme dell'Ires: "La ripresa è a rischio"

Giù l'export di oltre 4 punti percentuali, stagnazione dell'occupazione (-0,3), conseguente crescita della disoccupazione e una ripresa al "ralenti". E' questo il quadro tratteggiato nel focus Ires per l'economia della provincia di Arezzo. "Dopo...

operaio-lavoro

Giù l'export di oltre 4 punti percentuali, stagnazione dell'occupazione (-0,3), conseguente crescita della disoccupazione e una ripresa al "ralenti". E' questo il quadro tratteggiato nel focus Ires per l'economia della provincia di Arezzo. "Dopo un anno di segnali positivi, si apre un cambio di scenario: l'economia toscana decelera, è a rischio la ripresa", dicono la Cgil Toscana e l'Ires Toscana sintetizzando il contenuto del rapporto sull'economia regionale, il terzo del 2018 (sul primo semestre dell'anno), con lo speciale dei dati provincia per provincia.

Il quadro nell'Aretino

Nonostante - spiega l'Ires - l'elevata velocità di recupero del settore manifatturiero (valore aggiunto in crescita del 2,1% nel 2017), il valore aggiunto totale è cresciuto meno della media regionale (0,3% invece di 0,6%), a parte che per la modesta dinamica terziaria (+0,4%), per gli arretramenti dei settori agricolo ed edile. Le stesse esportazioni sono diminuite del -4,2% nell'anno. Il reddito disponibile, cresciuto dell'1,5% dovrebbe progressivamente consolidarsi durante l'anno in corso. La stagnazione dell'occupazione (-0,3%) ha comportato una ripresa della disoccupazione del 6,1%, in controtendenza con la media regionale. La cassa integrazione guadagni concessa dall'Inps è diminuita del 36%. In un arco pluriennale, relativo al periodo della debole "ripresa" (2013-2018), l'occupazione nella provincia di Arezzo è cresciuta solo del 2,3% (del 3,6% in Toscana); ugualmente del 2,3% (media Toscana 4,2%) è stato l'incremento del valore aggiunto, dunque la ripresa è stata più rallentata che nel resto della Toscana: questo non tanto per il ritmo di recupero dell'industria (6,8%, più del 6% regionale) - anche se frenato dalla diminuzione dell'export - , quanto per i ritardi del terziario (+1,6% contro una media del +4,5%).

Il quadro regionale

La nota congiunturale che si presenta in questo terzo Focus Economia dell'anno, tradizionalmente dedicato all'analisi della situazione delle singole province, fa emergere un quadro coerente con l'atteggiamento di cautela mostrato nei mesi precedenti anche di fronte alle più recenti e positive dinamiche dell'economia toscana. La Toscana, regione fortemente vocata all'export e da questo economicamente trainata, sta, infatti, iniziando a risentire degli elementi di incertezza del quadro economico internazionale. Le rinnovate tensioni sui mercati mondiali alimentate dalle politiche neoprotezionistiche di Trump con gli annunciati aumenti tariffari e conseguenti misure di rappresaglia dei partners commerciali potrebbero far deragliare il treno della ripresa e portare ad una revisione al ribasso delle stime di crescita.

Questa situazione ha già prodotto, come effetto immediato, un quadro espansivo meno omogeneo con forti incognite sui livelli di crescita dei diversi paesi-mercati di sbocco dell'economia toscana. Aumento delle tensioni e dei conflitti commerciali e preoccupazioni rispetto alla situazione geo-politica possono produrre effetti depressivo sui comportamenti di chi deve investire, condizionando pesantemente sia le scelte di allocazione delle risorse sia i conseguenti effetti in termini di produzioni e produttività. Questo insieme di fattori sta portando l'economia toscana verso una fase di decelerazione ciclica in cui gli elementi di incertezza contestuale si riverberano negativamente sull'andamento del ciclo economico regionale. A ciò si aggiunga il fatto che agli elementi di instabilità del contesto economico internazionale vanno uniti in termini di incertezza prospettica le preannunciate, ed in parte in via di realizzazione, nuove misure di legge in campo economico-lavoristico del governo nazionale. L'insieme di questi elementi porta, quindi, secondo le stime di Prometeia, a riconsiderare negativamente le previsioni di crescita dell'economia toscana per il 2018 attestandole ad un più modesto 1% rispetto al precedente +1,3%. Ciò porta, di conseguenza, a ridimensionare la recente dinamica di crescita del PIL regionale che registrerebbe per il 2018 un incremento di 0,2 punti percentuali rispetto al 2017 ( da +0,8% a +1%). Lo scenario appena descritto genera, inevitabilmente, aspettative non positive sull'andamento dell'export netto per il biennio 2018/2019 con effetti di rallentamento anche sulla dinamica dei consumi interni. Effetti moderatamente compensati dalla espansione del commercio elettronico, i cui minori costi insieme ad una sufficiente tenuta del reddito disponibile dovrebbero alimentare, in previsione, i consumi delle famiglie a sostegno di una domanda interna che diventa ancora più importante in un contesto di raffreddamento dell'export. In questo senso l'atteggiamento al consumo delle famiglie toscane resta caratterizzato da una certa cautela con una ulteriore crescita dei depositi bancari che nel 2018 potrebbero toccare la somma dei 65 miliardi di euro rispetto ai 45 miliardi del 2011. Questo quadro di decelerazione dell'economia toscana rischia, inoltre, nel breve periodo di invertire un tenuta ed espansione del mercato del lavoro regionale che già era stato registrato ed evidenziato nei Focus precedenti. Una tendenza importante che trova conferma, sia per l'ISTAT che per l'INPS, in un forte aumento di occupati nel primo trimestre del 2018 rispetto allo stesso periodo del 2017. Si conferma, analogamente la preponderanza dell'occupazione dipendente rispetto a quella autonoma, con la già evidenziata caratterizzazione del lavoro a termine ma, fatto nuovo, una significativa ripresa del lavoro a tempo indeterminato. Le persone disoccupate si riducono in maniera consistente (-9%) ma territorialmente difforme con una diminuzione complessiva del tasso di disoccupazione che passa dal 9,1% all' 8,3%. Al tempo stesso si registra una decelerazione del tasso di crescita occupazionale riferito al primo trimestre 2018 sul primo trimestre 2017, dal + 2,6% al +0,8%. Si rafforza una riduzione importante della CIG nei primi sei mesi dell'anno, con un decremento pari al 37% rispetto allo stesso periodo del 2017. Scendono a 7,7 milioni le ore integrate rispetto ai 25 milioni di ore annue integrate nel periodo fra il 2012 ed il 2014. Calano particolarmente la CIGD e la CIGS in special modo nel settore metalmeccanico, nel sistema moda e nel legno e mobilio. Aumenta, viceversa, nel commercio, nel cartario-editoriale e nell'edilizia. Si consuntiva, quindi, un quadro complesso dell'economia toscana fatto di luci in confronto con il 2017 ed ombre se riferito alle aspettative per il 2019. Un contesto in prospettiva fortemente problematico su cui i gli elementi esogeni, sia nazionali che internazionali, finiranno con il condizionare pesantemente il ciclo economico regionale rischiando di minarne la continuità di sviluppo in un quadro come dimostrato dai dati presentati ancora fortemente disomogeneo tra i diversi territori della Toscana.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'occupazione ad Arezzo stagna, giù l'export. L'allarme dell'Ires: "La ripresa è a rischio"

ArezzoNotizie è in caricamento