Economia

L'avanzata di Caffè River: design nordico e responsabilità sociale

Il cuore è ad Arezzo, in via Piero Gobetti, la visione è internazionale. Caffè River, fondato nel 1958, si propone non come semplice torrefazione, ma come “compendio” di soluzioni per il caffè espresso. Forniture di miscele, ma anche un universo...

campione-mondo-river

Il cuore è ad Arezzo, in via Piero Gobetti, la visione è internazionale. Caffè River, fondato nel 1958, si propone non come semplice torrefazione, ma come "compendio" di soluzioni per il caffè espresso. Forniture di miscele, ma anche un universo di servizi dedicati a chi - dietro il bancone - serve ogni giorno fumanti tazzine. Con un obiettivo: offrire al cliente il più alto standard qualitativo.

Caffè River opera in varie parti del mondo: centro Italia, Danimarca, Germania e Romania (con sedi anche a Copenaghen, Norimberga e Cluj), oltre a Grecia e Iran. Le materie prime arrivano da tutta la fascia tropicale del globo. C'è poi la formula, segreta, per la creazione del blend. Le miscele sono pensate per i consumatori finali e la ricerca sui gusti - variabili geograficamente - è maniacale. Ogni miscela è costruita quasi su misura, come fosse un abito sartoriale. Ma il compito di Caffè River va avanti. Il sito aziendale recita "non ci basta produrre il miglior caffè torrefatto utilizzando le migliori materie prime e la massima cura nel processo: dobbiamo assicurarci che equivalente accortezza e know-how vengano impiegati al momento dell'utilizzo. Per questo abbiamo investito continuamente nello sviluppo di prodotti sempre più raffinati ed in servizi innovativi ed esclusivi, in modo da garantire che la tazzina di Caffè River possa rinnovare ogni giorno il piacere del caffè espresso".

river1Assistenza ai bar L'assistenza ai baristi va dall'apertura del locale, passando per la creazione di menu ad hoc e la trasmissione di una preparazione specifica, fino ai corsi di formazione professionale, per i quali ad Arezzo è stato ideato uno specifico centro di formazione e ricerca sul caffè espresso. Sulla scorta del primo Caffè River Training Centre, altri ne sono nati nel resto del mondo - Danimarca, Romania e Germania. Oltre 2mila le persone già formate - soltanto ad Arezzo - secondo tre corsi di formazione successivi: Espresso Basics, Espresso Master e Latte Art / crash course che permette ai baristi o aspiranti tali di apprendere la tecnica della "latte art" direttamente dai migliori maestri del pianeta, vincitori di titoli mondiali come il campione in carica, l'australiano Caleb "Tiger" Cha.

river4

Coffee O'Clock Uno dei fiori all'occhiello del mondo Caffè River è certamente rappresentato da Coffee O'Clock, una caffetteria sperimentale che si trova in corso Italia ad Arezzo. Una sorta di vetrina d'avanguardia, un laboratorio dove sperimentare preparazioni innovative a base di caffè. Del Coffee O'Clock esiste anche un gemello, in Romania. Stesso design, stesso stile.

Design Proprio lo stile rappresenta una componente fondamentale di Caffè River, attraverso cui l'azienda cerca di trasmettere la propria identità. Non a caso ci sono oggetti di design - particolare successo il cucchiaino flexo, i bicchieri kylix9 e kylix36 -, creati appositamente per il brand dalla designer Marina Bologni. Tra le ultime creazioni c'è lo shaker MaracaS (che si può scuotere con una mano sola) firmato dal famoso architetto e designer Roberto Giacomucci.

river2Responsabilità sociale Caffè River si muove da molti anni anche sul fronte della responsabilità sociale: ha in attivo due progetti nelle zone della fascia tropicale del mondo da dove proviene il caffè. Uno di questi, partito nel 2000 in Repubblica Dominicana, ha segnato l'inizio della partneship strettissima con Ucodep, ora Oxfam Italia. Il progetto si chiama "Jamao" ed è nato per aiutare le comunità di coltivatori di caffè colpite dalla crisi internazionale. Il secondo progetto internazionale è in Uganda. Ad essere aiutata è l'associazione dei coltivatori di caffè ugandesi (Nucafe) per dare la possibilità agli agricoltori, solitamente sfruttati da numerosi intermediari, di accedere al mercato internazionale esportando direttamente a Caffè River ad un prezzo equo. A questo progetto è stato dato il nome "Omukwano", che in lingua luganda significa "Amicizia".

(Foto: in copertina, a destra, il campione del mondo di Latte Art Caleb Tiger Cha. Al centro dell'articolo una delle sue creazioni)

@MattiaCialini

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'avanzata di Caffè River: design nordico e responsabilità sociale

ArezzoNotizie è in caricamento