Economia

Lavanderie aperte: Cna informa quali sono e dove si trovano

Molte attività del settore restano aperte fino alle 18, altre solo la mattina. In alcuni casi è possibile il servizio a domicilio

Trovare una lavanderia sta diventando sempre più difficile, Cna indica alcune attività rimaste aperte.

In pochissimi resistono e garantiscono il servizio. Alcuni con variazioni di orario, la maggior parte chiude infatti alle 18. 
Ecco quali sono:

- Acqua Sapone di viale Amendola 15 Arezzo presso il centro Coop Fi offre servizio a domicilio, sanificazione con ozono e in questo periodo sono aperti dalle 9 alle 18 dal lunedì al venerdì e si possono contattare allo 0575 1822490 oppure al 3473540240. 

- Bolle di Sapone di Martini Caterina via dei Boschi 219 Pieve al Toppo per questa emergenza è aperta tutti i giorni dal lunedì al sabato compreso 9,00 — 13,00.

- Le lavanderie LavAr sono aperte in questa settimana con i seguenti orari: Via Garbasso 44 orario 8.30 /12.30 - 15.30 /19.30 sabato mattina chiuso; via Margaritone 51 /A solo la mattina 8.30/12.30 e il sabato mattina aperto; località Ponte alla Chiassa 8.30 /12.30 - 15.30/19.30 sabato mattina aperto.

- L’angolo del pulito Strada in Casentino cell 3493458949 offre servizio a domicilio, sanificazione e accoglienza nel negozio in sicurezza.

- La lavanderia San Lorentino di Rossi Rita in via Marco perennio 24/D ad Arezzo è aperta la mattina dalle 8,00 alle 12,30, cell. 3468844530. 

"Il DPCM del 11.03.2020 - in vigore il 12 marzo - ha incluso le lavanderie e tintorie tra le attività commerciali che possono rimanere aperte. Sicuramente - ammette Andrea Cherubini portavoce tintolavanderie Cna - questo è generalmente un periodo di scarso lavoro perché ancora non si fa il cambio di stagione, ma la clientela scarseggia perché le persone sono spaventate e non escono facilmente da casa, anche se per far lavare i propri capi. 

Dal sito del Ministero della Salute si legge che il nuovo coronavirus è un virus respiratorio che si diffonde principalmente attraverso il contatto con le goccioline del respiro delle persone infette, ad esempio quando starnutiscono o tossiscono o si soffiano il naso. Inoltre sappiamo che il Covid-19 si inattiva a temperature di 37° ed è sensibile a saponi, detergenti e disinfettanti.

Premessa questa fondamentale per inquadrare il problema e contrastarlo - continua Cherubini - recenti analisi commissionate dalle associazioni di categoria sugli agenti patogeni che possono essere trasmessi attraverso gli abiti hanno rilevato che la pulizia a fondo eseguita nelle lavasecco artigiane professionali garantisce un’elevata efficacia di abbattimento per tutti i principali ceppi microbici e, in alcuni casi, raggiunge livelli di vera e propria sanificazione. Oggi la nostra categoria è composta da operatori che sono dei veri e propri professionisti del pulito che, oltre a trattare macchie, garantiscono l’igiene del capo. L’evoluzione dei contesti - e quello attuale ne è una prova - porta ad una crescente esigenza e domanda a cui dobbiamo rispondere, di maggiore e corretta pulizia. Domanda che può e deve essere soddisfatta dal settore della manutenzione tessile. Nelle nostre lavanderie professionali vengono infatti utilizzati detergenti e macchinari che hanno caratteristiche decisamente superiori a quelle normali di casa a cui si sommano la professionalità ed esperienza dei manutentori". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavanderie aperte: Cna informa quali sono e dove si trovano

ArezzoNotizie è in caricamento