Italiani, più furbi degli altri? Ma se seguissimo il modello spagnolo...

Tra i vizi più antipatici di noi italiani, c’è quello di ritenersi più furbi degli altri. Si noti bene: più furbi, non più intelligenti. Eh si, molti di noi si crogiolano in questa spiacevole convinzione. D’altra parte quasi tutto il nostro cinema...

EU puzzle

Tra i vizi più antipatici di noi italiani, c’è quello di ritenersi più furbi degli altri. Si noti bene: più furbi, non più intelligenti. Eh si, molti di noi si crogiolano in questa spiacevole convinzione. D’altra parte quasi tutto il nostro cinema, dal secondo dopoguerra ad oggi, con l’uso continuo di macchiette, ha consolidato negli italiani questa convinzione. Eppure il popolo dei furbi si è fatto – per adoperare un lessico coerente - fregare atrocemente proprio nel cortile di casa. Come ci siamo detti più volte, sono ormai una ventina di anni, anche volendo tralasciare il dramma sociale degli ultimi otto anni, che il tenore di vita degli italiani regredisce a vista d’occhio, che le prospettive occupazionali si riducono continuamente, che i servizi si riducono a fronte di una tassazione sempre crescente. Ebbene, una grande parte del popolo dei furbi per antonomasia, non si è ancora accorta della bidonata ricevuta.

Facciamo alcuni esempi concreti. L’attuale Governo, come peraltro tutti i precedenti, si sta avventurando in un’altra selva di tagli ai servizi, penso per esempio alla sanità, in nome dei soliti presunti obblighi europei, falsi ed illegali, come qualcuno prima o poi sancirà. Si lo so, viene anche annunciata una futuribile riduzione della pressione fiscale, ma solo dai toni è evidente che non ci crede neanche chi la ipotizza.

Mentre noi siamo proni ai voleri tedeschi, gli altri dei vincoli europei se ne sbattono tranquillamente. Facciamo alcuni esempi? La Spagna, che ultimamente sembra essere diventata un modello, non ha mai rispettato, né intende farlo nel prossimo futuro, il parametro del deficit inferiore al 3% del Pil. Il che vuol dire somme enormi da spendere in favore dei cittadini. Devo andare avanti? Sempre in Spagna il debito pubblico cresce continuamente: sarà anche per questo che la Spagna è in evidente ripresa? Intendiamoci bene, gli spagnoli fanno benissimo a non considerare dei parametri fissati arbitrariamente e privi di qualsiasi valore scientifico. Però le differenze di passo si notano. Solo gli italiani, notoriamente scaltri, si sono caricati sulla schiena altre diecine di miliardi, sottolineo miliardi, di tagli di spesa da fare, se non viene invertita in un modo o in un altro questa tendenza, in pochi anni. E questo dopo anni ed anni di lesina, ovvero di avanzi primari dove i cittadini versano allo stato tra tasse ed altro più di quanto ricevono, che ha portato soltanto, come era facilmente prevedibile, ulteriore recessione.

Naturalmente la grande stampa, ed i presunti economisti italiani, di tutto ciò non tengono conto. E per finire, cosa dire dell’ipotesi di un’altra eurotassa e di altra cessione di sovranità nazionale? Leggo che l’ex ministro delle finanze greco potrebbe essere processato per aver progettato l’uscita della Grecia dall’euro. Ben altri, quando la storia dell’euro finirà, perché tanto andando avanti così finirà, rischiano di essere processati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm in arrivo: regioni chiuse e nuova divisione per colori. Cosa cambia per la Toscana

  • Saturimetro: come funziona e quali sono i migliori modelli da acquistare on line

  • Toscana ancora in zona gialla? Si decide. Nuovo Dpcm: massimo 2 ospiti non conviventi in casa

  • Banda dell'Audi bianca, è caccia aperta: le segnalazioni e la foto virale che fa sperare nell'arresto. Ma è un'altra operazione

  • Marito e moglie fermati da finti militari, picchiati e rapinati

  • Neve e vento forte: è codice giallo in provincia di Arezzo. L'elenco dei comuni interessati

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento