Sabato, 18 Settembre 2021
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Decreto dignità infiamma il dibattito tra industriali: "Costretti a lasciare giovani aretini senza lavoro"

La stima Inps di 8mila contratti di lavoro che non potranno essere rinnovati a seguito del Decreto dignità è stata corretta al rialzo dal Centro studi di Confindustria ("effetti peggiori") e ha provocato la reazione del ministro del Lavoro e vice...

La stima Inps di 8mila contratti di lavoro che non potranno essere rinnovati a seguito del Decreto dignità è stata corretta al rialzo dal Centro studi di Confindustria ("effetti peggiori") e ha provocato la reazione del ministro del Lavoro e vice presidente del Consiglio Luigi Di Maio che ha rigettato la tesi ("terrorismo psicologico"). Nell'assise di ieri della delegazione aretina di Confindustria Toscana Sud, ad Arezzo Fiere e Congressi, il tema caldissimo dei possibili effetti negativi del Decreto ha tenuto banco tra gli industriali.

L'ex ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda, ospite dell'Associazione, ha detto: "Quando eravamo al Governo erano cresciuti i contratti a tempo indeterminato. Quale è la ricetta? Renderli più convenienti, non rendere meno convenienti quelli a tempo determinato. Non si fa crescita per decreto, ma si può fare decrescita per decreto. Per favorire l'occupazione, bisogna favorire la crescita e di conseguenza la giustizia sociale. La crescita invece è fuori dall'agenda di questo paese. Più investimenti, più occupazione, più consumi: è una strada complicata, ma le scorciatoie portano in un burrone".

A rincarare la dose ci ha pensato il presidente di Confindustria Toscana Sud Paolo Campinoti: "Fino a poco tempo fa le cose stavano andando bene, ma ora non siamo più concentrati sul creare nuovi posti di lavoro. In questo modo stiamo solo creando problemi ai contratti a termine e a porre limiti a chi dovrebbe investire in Italia. E invece servirebbero incentivi e investimenti. In particolare sulle infrastrutture nel nostro territorio".

Purtroppo è così - chiosa Fabrizio Bernini, presidente di delegazione di Arezzo dell'Associazione Industriali Toscana meridionale -, il Decreto dignità rischia di far diminuire, anziché aumentare, l'occupazione: personalmente in azienda ho persone a scadenza di contratto e non si sa bene cosa fare per poterle tene. E poi, non si possono fare misure retroattive. Si spera in alcune modifiche al decreto, perché così non è accettabile. Infine, la giustificazione sui contratti non ha ragione d'esistere perché porta soltanto a un contenzioso. E invece in Italia avremmo bisogno di snellire, non di complicare.

@MattiaCialini

Si parla di

Video popolari

Il Decreto dignità infiamma il dibattito tra industriali: "Costretti a lasciare giovani aretini senza lavoro"

ArezzoNotizie è in caricamento