Economia

Il crollo dell'uso dei mezzi pubblici: mezzo milione di utenti in meno in quattro anni

I mezzi pubblici non attirano gli aretini. Dal 2011 al 2015 in Toscana i passeggeri annui del Tpl (Trasporto Pubblico Locale) nelle città capoluogo di provincia sono passati da 134,67 milioni a 136,18 milioni, con un aumento dell’1,1%. Ma Arezzo...

treno direttissima

I mezzi pubblici non attirano gli aretini. Dal 2011 al 2015 in Toscana i passeggeri annui del Tpl (Trasporto Pubblico Locale) nelle città capoluogo di provincia sono passati da 134,67 milioni a 136,18 milioni, con un aumento dell'1,1%. Ma Arezzo va decisamente in controtendenza. Il quadro emerge da un'elaborazione del centro ricerche Continental Autocarro su dati Istat.

Fra i capoluoghi di provincia toscani che hanno fatto registrare un aumento ci sono Firenze (+11,1%) e Grosseto (+7,1%), mentre in tutti gli altri vi è stato un calo: si va dal -7,8% di Massa al -15,8% di Siena. Dal 2011 al 2015 i passeggeri annui del TPL nei comuni capoluogo di provincia italiani sono passati da 3.807,2 milioni a 3.405,7 milioni, con un calo di circa 400 milioni, che corrispondono al 10,5% in meno.

Ad Arezzo, nel periodo preso in considerazione, il calo è drastico: si è passati da 4 milioni e 340mila utenti a 3 milioni e 800mila. Una diminuzione del 12,4% nel quadriennio, che significa oltre mezzo milione di utenti all'anno in meno - per treni e bus - nel solo capoluogo.

Questi dati confermano che, nelle scelte di mobilità, i mezzi pubblici sono sempre più in fondo alla graduatoria delle preferenze degli italiani, mentre i mezzi privati continuano a raccogliere consensi.

@MattiaCialini

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il crollo dell'uso dei mezzi pubblici: mezzo milione di utenti in meno in quattro anni

ArezzoNotizie è in caricamento