Economia

Il caldo fa soffrire anche le mele: produzione giù del 60%

Con l'ultima ondata di caldo di fine agosto e con i violenti nubifragi che si sono abbattuti sulle campagne aretine, sale il conto dei danni a cominciare dalla raccolta delle mele dove si prevede un calo della produzione del 60% rispetto a quella...

Con l'ultima ondata di caldo di fine agosto e con i violenti nubifragi che si sono abbattuti sulle campagne aretine, sale il conto dei danni a cominciare dalla raccolta delle mele dove si prevede un calo della produzione del 60% rispetto a quella della scorsa stagione con punte di perdite fino al 100%.

Non solo danni però, il caldo e la siccità che hanno decimato le produzioni agricole - spiega la Coldiretti - hanno infatti esaltato le caratteristiche qualitative, dalla raccolta di supergrano alla frutta dolcissima cui le condizioni climatiche hanno garantito un elevato grado zuccherino e di sostanze antiossidanti come vitamine, antociani e betacaroteni.

Il risultato è che continuano a salire le perdite provocate alle coltivazioni e agli allevamenti da un andamento climatico del 2017 del tutto anomalo che lo classifica tra i primi posti dei più caldi e siccitosi da oltre 200 anni, ma anche segnato da gelate e da violenti nubifragi con grandine.

L'estate va a chiudersi con le temperature massime che sono risultate superiori di 3,9 gradi la media mentre le precipitazioni sono risultate in calo del 62,3% nella prima decade, dopo che la temperatura massima è stata superiore alla media di 1,2 gradi a luglio e di 3,1 gradi a giugno mentre le precipitazioni sono state inferiori rispettivamente del 41,6% a del 31,5%.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il caldo fa soffrire anche le mele: produzione giù del 60%

ArezzoNotizie è in caricamento