menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fusioni Michelangelo: l'azienda ha spento la luce, ai lavoratori il barlume degli ammortizzatori

Ieri pomeriggio incontro tra la Fiom e il Comune di Caprese Michelangelo con presidio di fronte al municipio

L'obiettivo è adesso quello di garantire ai 40 lavoratori tutti gli ammortizzatori sociali ai quali hanno diritto. L'incontro tra il Sindaco e il consiglieri di Caprese con la Fiom e i lavoratori della Fusioni Michelangelo ha confermato l'ipotesi peggiore: l'azienda ha spento la luce.

"Dal Sindaco Baroni e dall'Amministrazione di Caprese i lavoratori hanno ricevuto sostegno e solidarietà - sottolinea il Segretario della Fiom Cgil, Alessandro TracchiMa l'azienda si è limitata ad inviare una lettera precisando di non poter essere presente e di essere sostanzialmente in attesa della nomina del curatore".

I lavoratori della Fusioni hanno manifestato di fronte al Comune e la Fiom ha inviato una lettera all'azienda chiedendo non solo chiarimenti sul futuro dell'impresa e dell'occupazione ma anche tutte le azioni utili a garantire ai dipendenti la riscossione dei 3 stipendi arretrati e l'ottenimento di tutti gli ammortizzatori sociali a cui hanno diritto.

 La Fusioni Michelangelo produceva accessori in metallo per un grande marchio italiano della moda. Non ha comunicato le ragioni della crisi ma si è limitata a bloccare la produzione e a sospendere i lavoratori. 40 famiglie sono nel limbo in attesa di aver chiaro quale futuro le attende. Una parola chiara arriverà probabilmente con l'udienza del 12 dicembre di fronte al Tribunale di Arezzo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Anthony Hopkins a Cortona dopo l'Oscar

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Psicodialogando

    Coppie che scoppiano, anche a Hollywood

  • social

    Il menestrello Grifo, il 'morto resuscitato' del castello di Poppi

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento