Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Franca Rizzo neo presidente dell'Area Aretina di Cna: "Fiducia nella vaccinazione, preoccupa la fine del blocco dei licenziamenti"

Molta attenzione è ricaduta sull'approvazione del Decreto Sostegni bis che ha visto scomparire la misura del blocco dei licenziamenti

Una lunga esperienza interna a Cna e adesso un impegno ancora maggiore, preso in un tempo in cui gli artigiani, come il resto dell'economia, hanno bisogno di rinascere. Franca Rizzo è stata eletta ieri sera nuova presidente dell'Area Aretina di Cna. Di fronte a lei si stagliano le sfide della ripresa, della tutela delle piccole e medie imprese che rappresentano il tessuto diffuso dell'economia reale, il confronto con le misure prorogate e con le novità del Decreto Sostegni bis in attesa che arrivi il momento di redistrubuire nei territori e di convogliare nelle progettualità le risorse del Recovery Plan.

"La Cna in questo momento sta rinnovando tutti gli organismi dopo i quattro anni di mandato precedente. Ieri sera c'è stata la prima assemblea per l'Area Aretina ed è arrivata la mia elezione" racconta Franca Rizzo che ha chiara in mente la 'missione' che l'attende.

"Davanti a tutti gli artigiani si pongono tante sfide, siamo in un periodo in cui siamo venuti fuori con un po' di ossa rotte dalle chiusure dovute alla pandemia, adesso poi finiscono gli ammortizzatori sociali per cui la situazione nel complesso, nella sua gravità, la leggeremo in quel momento. Il secondo trimestre è iniziato però con una ripresa, per i prossimi trimestri le stime le stanno rivedendo al rialzo, abbiamo per questo molta speranza, che il completamento della campagna di vaccinazione possa farci lavorare con tranquillità senza dover chiudere e aprire."

Molta attenzione è ricaduta sull'approvazione del Decreto Sostegni bis che ha visto scomparire la misura del blocco dei licenziamenti.

"La mancanza dle blocco dei licenziamenti ci preoccupa, verranno a mancare gli ammortizzatori sociali che hanno permesso a tante aziende di restare aperte. Nel momento in cui questo blocco cadrà non tutte le aziende saranno in grado di garantire l'occupazione ai dipendenti come è stato nel 2019."

Altra prospettiva poi quella del Recovery Plan: "E' una sfida molto importante che dobbiamo vincere che non può essere portare avanti dall'area aretina da sola, ma dalla Cna a tutti i livelli, poi dirò di più, bisogna fare fronte comune con le altre associazioni, con i sindacati e con le istituzioni affinché le risorse siano calati nei territori nel modo giusto e le progettualità siano efficaci."

La nota ufficiale di Cna Arezzo

Franca Rizzo è la nuova presidente dell’area aretina di CNA, eletta all’unanimità mercoledì sera in seno all’assemblea dell’associazione di categoria. Sessantadue anni, di cui 40 spesi a lavorare nel settore comunicazione con l’azienda Immedia, l’impegno di Rizzo in CNA si è ormai consolidato nel tempo; la nuova presidente dell’area aretina è, inoltre, molto sensibile ai temi riguardanti la leadership al femminile.

Quanto al nuovo incarico, Rizzo si dice: “Onorata, sicuramente, ma anche preoccupata. La pandemia ha sconvolto le nostre vite e la nostra economia. Questo è accaduto, ovviamente, in tutto il mondo ma noi dobbiamo occuparci di Arezzo, e qui la realtà ci dice che il Pil è in calo, bisogna agire e subito”.

La priorità, secondo Rizzo, ora è intercettare i fondi in arrivo con il Recovery Plan: “Si tratta di somme vitali per la nostra economia, siamo coscienti che non sarà facile, ma dobbiamo mettere in campo le nostre migliori energie per portare sul territorio una parte di quei fondi. Credo che in questi mesi di pandemia la CNA abbia dimostrato una grande capacità di azione e reazione, perciò sono fiduciosa che riusciremo a portare a casa l’obiettivo”.

Manifatturiero e terziario sono i settori sui quali è focalizzata l’attenzione: “Il manifatturiero rappresenta una parte importante del tessuto economico aretino, perciò gli interventi in quest’area dovranno essere celeri e mirati. Ma c’è anche tutto il settore riguardante i servizi, la ristorazione, il turismo che ha bisogno di stimoli e di aiuti per tornare a crescere. In sostanza, credo che si riparta veramente se si riparte tutti insieme”.

Le sfide all’orizzonte sono impegnative, tuttavia Rizzo guarda al futuro dell’artigianato aretino con positività: “Innegabilmente, questo anno e mezzo di pandemia è stato pesantissimo. Tuttavia, ci sono elementi positivi: i dati ci dicono che nel secondo trimestre l’economia italiana è tornata a crescere, e ci sono ampi margini per credere che la crescita continui nei prossimi mesi. La campagna vaccinale sta procedendo in maniera spedita e i risultati si stanno vedendo. Sono dati che ci fanno pensare che presto si possa tornare ad aprire, che i consumi cresceranno e che gli artigiani avranno di nuovo la possibilità di lavorare, perché gli artigiani hanno soprattutto voglia di lavorare”.

Si parla di

Video popolari

Franca Rizzo neo presidente dell'Area Aretina di Cna: "Fiducia nella vaccinazione, preoccupa la fine del blocco dei licenziamenti"

ArezzoNotizie è in caricamento