Economia

Fabrizio Bernini è il nuovo presidente di Confindustria Toscana Sud

L'imprenditore titolare dalla Zucchetti Centro Sistemi di Terranuova Bracciolini è il secondo aretino alla guida dell'associazione che riunisce gli industriali delle province di Arezzo, Siena e Grosseto dopo Andrea Fabianelli

Fabrizio Bernini (Foto Confindustria Toscana Sud)

Fabrizio Bernini è diventato oggi presidente di Confindustria Toscana Sud. Si tratta del secondo aretino alla guida degli Industriali da quando (2014) l'associazione raggruppa le province di Arezzo, Siena e Grosseto. Era stato preceduto da Andrea Fabianelli nel triennio 2014-2017. Era seguita la presidenza di Paolo Campinoti (delegazione Siena). Oggi, la scelta di Bernini - che era stata fatta lo scorso aprile con la designazione del consiglio generale - è stata suggellata nel corso di un evento organizzato a Castiglione della Pescaia (Grosseto), che ha visto l'annuale assemblea dell'associazione. Contestualmente sono diventati vice presidenti Fabrizio Landi, presidente della delegazione di Siena, e Francesco Pacini, presidente della delegazione di Grosseto. Fabrizio Bernini, imprenditore fondatore della Zucchetti Centro Sistemi di Terranuova Bracciolini, subentra quindi a Paolo Campinoti.

Alla manifestazione, incentrata sugli scenari economici post Covid e intitolata "Guardiamo Avanti", hanno partecipato, tra gli altri, il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani, l'assessore regionale all'Econimia Leonardo Marras, la giovane imprenditrice premiata da Forbes Alessia Russo, il sociologo e politologo Carlo Buttaroni, il presidente nazionale di Confindustria Carlo Bonomi.

"L'impenditore del passato - ha detto Fabrizio Bernini, intervistato dalla direttrice della Nazione Agnese Pini - faceva tutto da solo, oggi deve avere una visione improntata al futuro e deve avvalersi di una squadra nelle decisioni importanti. Deve fare il direttore d'orchesta".

Chi è Fabrizio Bernini

Fabrizio Bernini è nato nel 1957 nel cuore nel Valdarno aretino. Dopo aver conseguito il diploma di Perito industriale all’Istituto tecnico “Marconi” di San Giovanni Valdarno, ha iniziato l'attività lavorativa come progettista programmatore svolgendo fin da subito un ruolo di responsabile in Emerson Group, frequentando numerosi stage e master negli Usa e in Inghilterra per approfondire le proprie conoscenze e sviluppare la propria professionalità in quell'ambito. Ha svolto molte consulenze in qualità di project leader per la progettazione e realizzazione di sistemi informativi per diverse società, dal settore finanziario a quello sanitario. È stato consulente anche per la Provincia di Arezzo e per la Menarini Diagnostici srl, che ancora oggi collabora strettamente con il settore Sanità della Zucchetti Centro Sistemi spa. È stato amministratore della società Issos Servizi srl – Istituto socio sanitario con sede in Terranuova Bracciolini (Arezzo), con incarico di amministratore e consulente direzionale per la progettazione e la direzione dei lavori su progetti software per le Usl. Nel 1985 ha fondato la software house Centro sistemi srl e ne ha guidato  personalmente lo sviluppo fino all'odierna, innovativa e multi-divisionale – robotica, software, automation, healthcare, green innovation – Zucchetti Centro Sistemi spa, di cui è presidente e legale rappresentante. Pioniere dei processi di digitalizzazione e della telemedicina, inventore di prodotti rivoluzionari come Ambrogio (il robot rasaerba) e NemH2O (il robot pulisci-piscine), ha lanciato la linea di inverter e prodotti di accumulo Azzurro, diventata in pochi anni un leader del settore. Ha registrato oltre 120 brevetti (facenti capo a circa 50 invenzioni) e 12 marchi. Oltre ad aver ricevuto decine di premi nazionali e internazionali nell’ambito dell’innovazione, come il Premio dei premi per l’innovazione (2010 e 2014), nel 2017 è stato nominato Cavaliere del lavoro.

Chi è Fabrizio Landi

Fabrizio Landi è nato a Siena il 20 agosto 1953. Laureato in Ingegneria biomedica al Politecnico di Milano, ha una lunga esperienza nel settore delle Life Sciences. Nel 1979 ha iniziato la carriera professionale in Miles Italia, società del Gruppo Bayer, come responsabile della divisione Life Science Instruments. Dal 1981 al 2013 ha lavorato in Esaote, di cui è stato co-fondatore e dove ha fatto parte dell'executive management, ricoprendo incarichi di responsabilità fino ad assumere le cariche di amministratore delegato e direttore generale della società. Ha rivestito, inoltre, i ruoli di presidente e amministratore nelle aziende del Gruppo Esaote. Attualmente è membro del Consiglio di amministrazione delle società Menarini Diagnostics, Firma e Silicon Biosystem, facenti capo al Gruppo Menarini di Firenze, nonché del Consiglio scientifico della società El.En. di Calenzano. È stato, inoltre, consigliere di amministrazione di diverse società italiane e internazionali. In particolare è stato membro del Consiglio di amministrazione di Banca Crf di Firenze, fino alla sua incorporazione in Banca Intesa; è stato consigliere di amministrazione di Leonardo SpA e di alcune società nord-americane e asiatiche operanti nell’high tech medicale. Dal 2014 è presidente della Fondazione Toscana Life Sciences di Siena ed è membro del Comitato di indirizzo del Distretto toscano Scienze della vita. È vicepresidente della Fondazione ricerca & imprenditorialità. Nel 2015 ha fondato Panakes Partners, che opera come società di gestione del risparmio per fondi di venture capital specializzati e di cui Fabrizio Landi è presidente e amministratore delegato. Nel sistema confindustriale è membro della Giunta e presidente della sezione Farmaceutica di Confindustria Firenze, membro del Comitato di presidenza di Confindustria Toscana Sud con delega all’innovazione e, da luglio 2019, presidente di RetImpresa – Agenzia di Confindustria nazionale per le aggregazioni e le reti d’impresa, di cui è stato vicepresidente dal 2014, oltre a essere componente del gruppo tecnico Reti di impresa.

Chi è Francesco Pacini

Francesco Pacini è nato a Massa Marittima il 2 febbraio 1963. È sposato con Anna e ha due figlie, Chiara di 26 anni e Laura di 30 anni. Dopo aver conseguito il diploma di Perito chimico, si è laureato in Ingegneria chimica all'Università di Pisa dove ha svolto anche attività lavorativa come ricercatore. Nel marzo 1990 ha iniziato la sua esperienza di lavoro nel gruppo Venator – già Huntsman-Tioxide, multinazionale chimica leader nella produzione di biossido di titanio – come ingegnere chimico nello stabilimento di Scarlino. Nel suo percorso lavorativo all'interno del dipartimento tecnico dell'azienda, sempre con responsabilità crescenti, dal 1999 al 2007 è stato ingegnere di processo, caporeparto di produzione, project manager e direttore di produzione, mentre dal 2007 al 2010 è stato direttore della manutenzione e della progettazione. Nel 2010 gli è stato affidato l'incarico di direttore tecnico della sede centrale dell'intero gruppo, nel nord-est dell'Inghilterra, un incarico che ha poi ricoperto per cinque anni. Dal 2015 al 2019 è stato amministratore delegato dello stabilimento di Venator Italy a Scarlino, mentre dal 2019 è direttore degli stabilimenti europei del gruppo Venator. Nella sua ormai ultra-trentennale esperienza di lavoro all'interno della multinazionale chimica ha trascorso diversi anni all'estero tra Gran Bretagna, Francia, Spagna, Malesia e Germania. Il suo percorso in Confindustria è partito nel 2015, quando è stato nominato vicepresidente della delegazione di Grosseto di Confindustria Toscana Sud. Dal 2017 al 2021 è stato vicepresidente di Confindustria Toscana Sud e presidente della delegazione di Grosseto di Confindustria Toscana Sud.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fabrizio Bernini è il nuovo presidente di Confindustria Toscana Sud

ArezzoNotizie è in caricamento