Fabi: "La sede della macroarea Toscana-Umbria-Lazio di Ubi sia spostata ad Arezzo"

La nota del sindacato

"Primo trimestre 2019 con 82 milioni di utile netto, riduzione dei crediti deteriorati lordi, trend positivo per il mercato dell’oro. Poi, all’interno del consolidamento delle quote di mercato nell’area Toscana-Umbria-Lazio, la nostra regione continua a produrre ottimi risultati e fa prevedere ancora più forti potenzialità di crescita. Così i dati al 31 marzo e così i commenti".

Attacca così una nota di Fabi, che prosegue:

Insomma, all’interno del Gruppo Ubi, la ex BancaEtruria del centro Italia si distingue per l’evidente apporto ai risultati generali e per la professionalità dei lavoratori, lavoratori delle filiali - compresa la ex Banca Federico del Vecchio di Firenze - così come degli uffici di via Calamandrei e delle altre direzioni territoriali.

Guardando al futuro, fa piacere sentire dall’amministratore delegato Victor Massiah che il Gruppo non ha intenzione di vendere alcun “gioiello di famiglia”, escludendo così prospettive di cessioni di aziende o comparti di esse. Fa piacere anche perché, nella proposta di Contratto Nazionale di Lavoro - ora in discussione nelle assemblee in provincia, come in tutta Italia - la FABI e tutti gli altri sindacati prevedono limiti sempre più stringenti alle esternalizzazioni e alle cessioni, anzi, prevedono facilitazioni per riportare in banca quelle attività che nel passato erano state fatte uscire. Questo, sia per l'occupazione, che a garanzia del miglior servizio alla clientela.

Nel riassetto annunciato dalla banca del comparto assicurativo, riteniamo opportuna la massima attenzione e valorizzazione di Bap Vita, società proveniente dall’Etruria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine, come responsabile provinciale della FABI, mi chiedo: perché l’azienda non riprende in considerazione l’ipotesi di portare ad Arezzo la sede, oggi a Roma, della macroarea Toscana-Umbria-Lazio?

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I dilettanti pronti allo stop: "Se il protocollo è questo meglio fermarsi"

  • Otto casi di coronavirus nell'Aretino. Deceduto un paziente di 67 anni

  • Tutti i sindaci di Arezzo dal 1946 ad oggi

  • Coronavirus in provincia di Arezzo: +13 casi. Quasi tutti in città

  • Tremendo schianto lungo la regionale 71: ragazzina di 12 anni travolta da un'auto

  • 7 castelli e ville storiche della provincia di Arezzo che domenica aprono le proprie porte (gratis)

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento