Economia

Fabi. "Firmato il Contratto Nazionale di Lavoro dei dipendenti di banca"

Prossimamente, l’accordo firmato passerà al vaglio delle assemblee dei lavoratori

Dichiarazione di Fabio Faltoni, sindacalista in Ubi Banca e segretario provinciale coordinatore della Federazione Autonoma Bancari Italiani.

Interesserà ovviamente anche i molti bancari della nostra provincia, il nuovo Contratto Nazionale di Lavoro dei dipendenti di banca, firmato – dopo un anno di trattativa – il 19 dicembre tra l’ABI (l’associazione che riunisce le banche) e la FABI e gli altri sindacati.

Di fronte ai miliardi di utili registrati in questi anni dai principali Gruppi bancari, l’aumento medio di stipendio - scaglionato in tre anni – sarà di 190 euro lordi. Sarà un contratto a tutela anche dei clienti; infatti, grazie ai sindacati, sarà inserita una parte sulla vendita responsabile dei prodotti finanziari, che recepisce le istanze dei lavoratori e che gli organi amministrativi delle banche dovranno rispettare.

Si parla poi, tra l’altro, di una cabina di regia tra sindacati e ABI sulle nuove tecnologie e una maggiore attenzione è dedicata alla conciliazione dei tempi vita-lavoro e al welfare aziendale, come ad esempio la possibilità di donare le proprie ferie a colleghi in stato di bisogno (banca del tempo).

“Si conferma la centralità del Contratto Nazionale, che tutela i lavoratori e i clienti”, dice il segretario generale della Fabi, Lando Sileoni - Un accordo che conferma l'importanza del ruolo dei sindacati".

"Un contratto che in qualche modo fa tesoro delle brutte e ingiuste esperienze vissute anche dai lavoratori della ex BancaEtruria, come quelli della Popolare di Vicenza o – più indietro nel tempo – dai dipendenti del MPS”, aggiunge Fabio Faltoni, il responsabile provinciale della Fabi.

Prossimamente, l’accordo firmato passerà al vaglio delle assemblee dei lavoratori.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fabi. "Firmato il Contratto Nazionale di Lavoro dei dipendenti di banca"

ArezzoNotizie è in caricamento